Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia


Valentina Tomirotti, blogger in carrozzina, lancia la seconda parte del suo progetto per mappare l’accessibilità di alcune città italiane e realizzarne delle guide dedicate

ragazza in carrozzina a bolognaIl turismo delle persone con disabilità è ancora un turismo “a metà’”: non solo sul fronte della accessibilità fisica di strutte ed alberghi in grado di accogliere persone con varie disabilità, ma anche su quello della accessibilità delle informazioni a riguardo. Poche e frammentate sono infatti le info che riguardano i moltissimi aspetti fondamentali per un turista disabile.

Per offrire una guida realizzata sul campo, in grado di fornire info precise e mirate di accessibilità, la blogger Valentina Tomirotti, conosciuta online col nome di Pepitosa, ha deciso di prendere la sua auto e la sua carrozzina e di visitare alcune città.  In quanto disabile fin dalla nascita - convive con la displasia diastrofica, disabilità che riduce lo sviluppo dell'apparato scheletrico, soggetto anche a contratture articolari, scoliosi e altre malformazioni – Valentina sa esattamente quali sono gli elementi e le info indispensabili per chi viaggia con una disabilità.

Valentina ha quindi deciso di trasformarsi in una "travel agent in carrozzina" con la missione di mappare il territorio e l'offerta, culturale e non, di cinque “capitali italiane” della cultura che visiterà da sola: Matera, Perugia, Mantova, Palermo e Parma. Il primo obiettivo sarà, dunque, dimostrare  che le persone che con disabilità devono poter scegliere di viaggiare anche da sole e senza accompagnatori, se vogliono farlo.

Le info rilevate sul campo verranno poi raccolte in una guida turistica scaricabile gratuitamente online dal sito che verrà realizzato al termine della campagna. Per ogni percorso di visita verranno inserite nozioni storico-artistiche da un punto di vista dell’accessibilità - dal manto stradale, alla differenza di compiere un viaggio con la carrozzina manuale o elettrica, fino all'altezza delle barriere architettoniche - con alternative di percorribilità. Ogni percorso comprenderà anche una selezione di luoghi di accoglienza, punti di ristoro ed eventi. Il tutto, ovviamente, dal punto di vista di Valentina, delle sue emozioni e dei legami che ha creato.
Ogni viaggio sarà anche raccontato attraverso un format video-social: verranno ospitati a bordo persone e personaggi per chiacchierare sul concetto di accessibilità e far conoscere i punti di forza dell'Italia turistica, trasmettendo il tutto in diretta o in differita sui canali web di riferimento.

travel blogger 1Questo delle guide sarà il secondo step di un progetto che Valentina ha lanciato  lo scorso anno (ne parlavamo qui), partito  con un crowdfunding  grazie al quale ha potuto conseguire la patente di guida B speciale e, soprattutto, acquistare la macchina che permette la guida in carrozzina. Con questa stessa auto, ora, Valentina intende realizzare le sue “spedizioni esplorative”: chi volesse può  sostenerla anche in questa seconda parte del progetto, partecipando ad un nuovo crowdfunding. Inoltre, se la raccolta raggiungerà i 5.000 euro, scatterà automaticamente il co-finanziamento da parte di MSD Italia di altri 5.000 euro.

Qui la pagina per info e per partecipare al crowdfunding

Qui sotto, un video in cui Valentina presenta il progetto



Potrebbe interessarti anche:

Viaggiare in carrozzina: appunti di viaggio e info tecniche di accessibilità alla scoperta di Campania e Toscana

La mia visita alla Palazzina di Caccia di Stupinigi in sedia a rotelle: un’inaspettata piacevole sorpresa


Redazione

Fonte foto: Pepitosa in carrozza