Menù

propulsore spinta carrozzine
CATALOGO ALL MOBILITY
Triride è un'unità di propulsione elettrica amovibile
VASCA DA BAGNO LINEA OCEANO

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Privacy e Termini di Utilizzo

  • Gioco a molla per bambini con disabilità: giostre inclusive

    Gioco a molla per bambini con disabilità: giostre inclusive

  • ASTRO, LO SCOOTER ELETTRICO PER INVALIDI E ANZIANI PER LE LUNGHE DISTANZE

    ASTRO, LO SCOOTER ELETTRICO PER INVALIDI E ANZIANI PER LE LUNGHE DISTANZE

  • V65, il servoscala con pedana che trasporta la carrozzina anche su scale curve

    V65, il servoscala con pedana che trasporta la carrozzina anche su scale curve

  • TRIRIDE, IL PROPULSORE DI SPINTA CHE TRASFORMA LA CARROZZINA MANUALE IN CARROZZINA ELETTRICA

    TRIRIDE, IL PROPULSORE DI SPINTA CHE TRASFORMA LA CARROZZINA MANUALE IN CARROZZINA ELETTRICA

scooter per disabili byco

Esperti rispondono

Grid List

Salve, se per istallare una rampa per disabili non ho tanto spazio, posso eliminare la scala alla luce del fatto che questa è composta da solo 4 scalini oppure è obbligatorio mantenere tutta la struttura della scala?
Grazie
C.

La risposta dell'esperto

Purtroppo no, perché come da Normativa vigente una scala deve essere sempre presente per consentire l’accesso per questioni di sicurezza nel caso l’impianto servoscala per disabili risulti fuori servizio.

Cordialmente,
Raffaele Bosco, responsabile tecnico di Stannah Montascale Add a comment

Dal punto di vista normativo, al fine di rendere accessibile un locale aperto al pubblico (negozio), l'utilizzo di un montascale mobile a cingoli con addetto in loco, può essere considerato a tutti gli effetti come opera di abbattimento delle barriere architettoniche come richiesto dalle Amministrazioni Pubbliche? Possiamo considerarlo alla stessa stregua di un servoscala o di un ascensore per disabili? Grazie
A.

La risposta dell'esperto

Solitamente per l’abbattimento delle barriere architettoniche in luoghi pubblici – come ad esempio un negozio - le ASL prendono in considerazione solo impianti fissi e utilizzabili autonomamente dal diversamente abile.

Cordialmente,
Raffaele Bosco, responsabile tecnico di Stannah Montascale

Add a comment

Ho un appartamento al secondo piano a cui si accede con una scala esterna non attaccata alla casa. Vorrei installare un montascale a poltroncina con una tettoia per ripararmi dalla pioggia, premetto che la casa è situata in zona a vincolo paesaggistico, vorrei sapere le norme. Grazie

La risposta dell'esperto

Ogni amministrazione comunale applica il proprio regolamento a tutela dell’ambiente paesaggistico e quindi non abbiamo una risposta che possa andare bene per ogni Comune. Le suggeriamo pertanto di recarsi presso l’ufficio tecnico del comune in cui si trova l’appartamento e chiedere informazioni a riguardo. Consideri però che, trattandosi di un impianto montascale a poltroncina utilizzato per l’abbattimento delle barriere architettoniche, difficilmente Le verrà negata la fattibilità dell’impianto stesso.

Cordialmente,
Raffaele Bosco, responsabile tecnico di Stannah Montascale

Add a comment

A mia figlia di 5 anni e' stato riconosciuto l' handicap in situazione di gravità (art. 3 comma 3 Legge 104/92) revisione mese 4 anno 2019 e le e' stata riconosciuta un indennità di accompagnamento pari a 515 euro con revisione anno 2022. Mia figlia e' a carico mio al 50% e di mia moglie l'altro 50%. posso godere dei benefici fiscali per l'acquisto dell'auto? Grazie.
E.

La risposta dell'avvocato Colicchia

Gentile E.;
se il portatore di handicap è fiscalmente a carico di un suo familiare (possiede cioè un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro), può beneficiare delle agevolazioni lo stesso familiare che ha sostenuto la spesa nell'interesse del disabile.
Per l'acquisto dei mezzi di locomozione il disabile ha diritto a una detrazione dall'Irpef. Per mezzi di locomozione si intendono le autovetture, senza limiti di cilindrata, e gli altri veicoli sopra elencati, usati o nuovi. La detrazione è pari al 19% del costo sostenuto e va calcolata su una spesa massima di 18.075,99 euro. È applicabile l'Iva al 4%, anziché al 22%, sull'acquisto di autovetture nuove o usate, aventi cilindrata fino a: 2.000 centimetri cubici, se con motore a benzina 2.800 centimetri cubici, se con motore diesel. L'Iva ridotta al 4% è applicabile anche: all'acquisto contestuale di optional, alle prestazioni di adattamento di veicoli non adattati, già posseduti dal disabile (e anche se superiori ai citati limiti di cilindrata), alle cessioni di strumenti e accessori utilizzati per l'adattamento.
L'aliquota agevolata si applica solo per gli acquisti effettuati direttamente dal disabile o dal familiare di cui egli è fiscalmente a carico (o per le prestazioni di adattamento effettuate nei loro confronti).
L'esenzione del bollo auto spetta sia quando l'auto è intestata al disabile sia quando l'intestatario è un familiare del quale egli è fiscalmente a carico.
I veicoli destinati al trasporto o alla guida di disabili sono esentati anche dal pagamento dell'imposta di trascrizione al PRA dovuta per la registrazione dei passaggi di proprietà. Se più disabili sono fiscalmente a carico di una stessa persona, quest'ultima può fruire, nel corso dello stesso quadriennio, dei benefici fiscali previsti per l'acquisto di autovetture per ognuno dei portatori di handicap a suo carico.
Se più persone, come nel suo caso, hanno a carico il disabile, possono fruire delle agevolazioni al 50%.
Spero di esserle stato di aiuto.
Cordiali saluti.
Avv. Roberto Colicchia

AVV. ROBERTO COLICCHIA
Via Risorgimento Prol. 66  89135 - Reggio Calabria
Via G. Garibaldi, 118 91020 - Petrosino (Tp)
Cell. 329.7014305  Fax  0965.037245
email avvocatodisabili@libero.it

Add a comment

Buongiorno,
sono un grande Invalido del Lavoro, dal lontano '72, con una percentuale del 98%.
Successivamente, per aggravamenti di altro genere, sono stato riconosciuto dall' Asl di appartenenza, come: Invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% e con impossibilita dei deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore. Naturalmente sono in carrozzina da svariati anni, per la patologia riconosciuta dall'ASL
Sono a chiederle di conoscere se un medico specialista dell'Asl, l'unico a rilasciare certificazioni nella mia città, può rifiutarsi di emettere la prescrizione autorizzativa  per  l'acquisto di supporti tecnici ed informatici, nello specifico un cellulare, dicendo che la mia  patologia non è compatibile.
Premetto che ho fatto regolare richiesta di rilascio certificazione, allegando fotocopia del Certificato Legge del 5 Febbraio del 1992 n.104.
Cosa ritiene che lo scrivente debba fare per far valere i propri diritti? Attendo di conoscere sue deduzioni. Grazie. La saluto distintamente, O.

La risposta dell'avvocato Colicchia

Gentile O.;
il telefono cellulare viene oramai  riconosciuto come utile strumento di comunicazione e di soccorso. Al beneficio di cui si domanda sono ammessi solo i soggetti invalidi a seguito della perdita anatomica o funzionale di entrambi gli arti inferiori nonché i non vedenti.
Sarà poi  necessario essere in possesso di una certificazione ,della ASL competente, che deve essere consegnata al momento dell’attivazione del contratto di abbonamento telefonico.
Certamente chi rigetta la prescrizione deve essere un medico autorizzato Asl.
Con una documentazione medica che attesti un fondamentale ed importante ausilio dello strumento per la patologia da cui è affetto, o per agevolare semplificare in determinate situazioni magari pericolose, il suo status, il medico dovrebbe motivare il rigetto della domanda proposta. In tal caso, potrebbe adire le autorità giudiziarie, facendo presente il fatto, ricorrendo in giudizio.
Cordiali saluti.
Avv. Roberto Colicchia

AVV. ROBERTO COLICCHIA
Via Risorgimento Prol. 66  89135 - Reggio Calabria
Via G. Garibaldi, 118 91020 - Petrosino (Tp)
Cell. 329.7014305  Fax  0965.037245
email avvocatodisabili@libero.it

Add a comment

All'età di 5 anni in seguito ad un incidente stradale, divenni tetraplegico con gravi difficoltà respiratorie. Ora, grazie a degli ausili di carattere tecnologico, sto cercando di affacciarmi al mondo del lavoro, sfruttando le opportunità che offre la realtà del telelavoro.
La mia domanda è la seguente: nel caso in cui riuscissi nel mio intento, considerando che io sono a carico della mia famiglia, perderei il diritto a percepire la pensione di invalidità civile e l'accompagnamento?
L.

La risposta dell'avvocato Colicchia

Gentile L.;
la legge pone dei limiti relativi ai cumuli di reddito, limiti che non possono superarsi. Non viene preclusa, dunque, ad un soggetto invalido civile, la possibilità di lavorare, ma viene posto un limite al raggiungimento di un determinato di reddito percepito.
Orbene, con riferimento alla sua malattia, e soprattutto alla possibilità di riuscire anche con percorsi orientativi al lavoro, o tramite mirati corsi lavorativi, ad affacciarsi in un sistema produttivo, non vedo perché dovrebbe vedersi tolta la prestazione previdenziale.
Spero di esserle stato di aiuto.
Cordiali saluti.
Avv. Roberto Colicchia

AVV. ROBERTO COLICCHIA
Via Risorgimento Prol. 66  89135 - Reggio Calabria
Via G. Garibaldi, 118 91020 - Petrosino (Tp)
Cell. 329.7014305  Fax  0965.037245
email avvocatodisabili@libero.it

Add a comment

Salve,
devo chiedere all'asl di riferimento l'autorizzazione ad una carrozzina elettrica. Il fisiatra m'ha detto che potrei avere problemi perchè ho richiesto la carrozzina manuale 4 anni fa. Ho letto anche sul vostro sito che in realtà non è cosi poichè sono ausili differenti e confermando anche quanto m'hanno detto in sanitaria. Potreste dirmi la parte della legge in cui è scritto? Cosi posso stamparlo e presentarlo all'asl in caso di problemi
Grazie
F.

La risposta dell'esperto carrozzine

Buonasera, ciò che le hanno detto rispecchia la realtà, ovvero che lei ha diritto anche alla sedia elettronica anche se ha ottenuto 4 anni fa la sedia manuale poichè sono due pratiche distinte di ausili completamente differenti. Al centro ausili e protesi sanno con certezza quando e quale ausilio le hanno dato in precedenza quindi non ci sono problemi, può tranquillamente presentare la nuova pratica per la sua nuova sedia elettronica.

Buona serata, Massimo.
Massimo Laterza - Disabili Abili

Add a comment

Salve. Ho visto la carrozzina elettrica smontabile Ergotraveller, dove dite che si può fare richiesta alla Asl di competenza in quanto completamente rimborsabile. Che iter bisogna seguire per la richiesta? Che tipo di richiesta e cosa bisogna scrivere per poterla avere??
Grazie
S.

La risposta dell'esperto carrozzine

Buonasera, la carrozzina Ergotraveller è come, ha visto lei, completamente a carico del SSN e smontabile in 3 parti per un peso complessivo di 49KG.

Deve farsi prescrivere dal medico che la segue, geriatra, neurologo, fisiatra etc etc il codice di carrozzina per interni/esterni pari a 2843 euro + iva al 4%, dopodichè andare al centro ausili e protesi della ASL di sua competenza e farsi autorizzare la prescrizione. Una volta ottenuta l'autorizzazione può benissimo contattare Disabili abili srl che commercia la carrozzina in questione e fissare la consegna dell'ausilio.

Buona serata, Massimo.
Massimo Laterza - Disabili Abili

Add a comment

Buongiorno sono invalido oncologico 100/100 per metastasi ossee. Avrei bisogno di sapere chi mi deve autorizzare alla fornitura di una carrozzina. Sono già in contatto con Disabili Abili.
R.

La risposta dell’esperto carrozzine

Buonasera R.,
se è in contatto con Disabili Abili può tranquillamente contattarci e le sapremo dare tutte le informazioni necessarie. Comunque sia deve intraprendere la pratica ASL, ovvero farsi prescrivere dal medico fisiatra, neurologo, geriatra, ortopedico (dipende chi la segue) la scheda progetto che sicuramente Disabili Abili le ha fornito qualora avesse effettuato la prova a domicilio con uno dei tecnici in tutta Italia, dopodichè dovrà andare al centro ausili e protesi della ASL di sua competenza a farsi autorizzare la prescrizione che le sarà stata fatta. Ultimato questo passaggio consegnerà l'autorizzazione alla fornitura dell'ausilio scelto alla Disabili Abili e andremo in consegna con la carrozzina.

Se avesse bisogno di qualsiasi ulteriore chiarimento non esiti a contattarci.
Massimo Laterza - Disabili Abili Add a comment