Menù

Typografia

2003 ANNO EUROPEO PER I DISABILI

Il 2003 è stato proclamato l'anno europeo per le persone disabili.
Questa iniziativa dovrebbe coinvolgere tutti i paesi e le regioni sulla promozione dei diritti e delle opportunità delle persone disabili, coinvolgendo direttamente i singoli e le famiglie, ma anche e soprattutto, le Istituzioni locali e gli altri soggetti interessati a promuovere lo sviluppo umano in generale, all'interno dl quale ogni persona viene valorizzata in quanto tale e considerata preziosa e irripetibile nella sua diversità.
L'obiettivo è quello di promuovere la salute con azioni concertate tra diversi soggetti pubblici e privati e creare le pari opportunità dei cittadini come condizione essenziale di uno sviluppo complessivo della società, che non può e non deve sprecare la ricchezza che ogni persona umana possiede e che può esprimere solo se vi è un ambiente favorevole alla sua espressione.

Gli OBIETTIVI dell'Anno Europeo dei Disabili sono:
· La sensibilizzazione relativamente al diritto dei disabili di essere tutelati dalla discriminazione e di godere di pieni e pari diritti;
· L'incoraggiamento della riflessione e la discussione sulle misure necessarie per promuovere pari opportunità per i disabili in Europa;
· La promozione dello scambio di esperienze in materia di buone prassi e strategie efficaci attuate a livello locale, nazionale ed europeo;
· L'intensificare la cooperazione tra tutte le istanze interessate, in particolare i governi, le parti sociali, le ONG, i servizi sociali, il settore privato, il settore associativo, i gruppi di volontariato, i disabili e i loro familiari;
· Il miglioramento della comunicazione concernente l'handicap e la promozione di una rappresentazione positiva dei disabili;
· La sensibilizzazione all'eterogeneità delle forme di handicap e alle molteplici forme di handicap;
· La sensibilizzazione alle molteplici forme di discriminazione cui i disabili sono esposti;
· L'accordare un'attenzione particolare alla sensibilizzazione al diritto dei bambini e dei giovani disabili ad un pari trattamento nell'insegnamento, e lo sviluppo di una cooperazione  a livello europeo tra il personale preposto all'insegnamento speciale dei bambini e dei giovani disabili, per migliorare l'integrazione degli alunni e degli studenti ad esigenze specifiche negli istituti normali o specializzati.

· Incontri ed eventi;
· Campagne d'informazione e promozionali nell'insieme degli Stati membri dell'Unione Europea;
· Collaborazione con i Media;
· Indagini e relazioni a livello comunitario.

PROPOSTE DI AZIONE

L'Anno 2003, Anno Europeo delle persone disabili, deve determinare un miglioramento delle attività programmate.
Questo obiettivo implica l'allargamento del sostegno attivo a tutta la società.
Di conseguenza, sono presentate delle proposte concrete rivolte a tutti i partecipanti.
Le azioni suggerite saranno sviluppate durante l'arco dell'Anno Europeo, ma dovranno proseguire anche in seguito, in modo da permettere nel tempo una valutazione dei progressi ottenuti.

   1. LE AUTORITA' DELL'UNIONE EUROPEA E LE AUTORITA' NAZIONALI DEGLI STATI MEMBRI E DEI PAESI CANDIDATI

   2. AUTORITA' LOCALI

   3. ORGANIZZAZIONI DI PERSONE DISABILI

   4. IMPRESE

   5. SINDACATI

   6. MEZZI DI COMUNICAZIONE

   7. IL SISTEMA SCOLASTICO

   8. UNO SFORZO COMUNE A CUI TUTTI POSSONO E DOVREBBERO CONTRIBUIRE