Menù

Assistenza disabili e anziani
assistenza disabili
catalogo prodotto disabiliabili
sollevaotre a binario

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Dove si possono trovare le circolari che dettano ai disabili i criteri per l'iscrizione negli istituti professionali?

Le circolari più recenti sono pubblicate nel sito edscuola: http://www.edscuola.com. Ecco l’estratto di un articolo di Rolando Alberto Borzetti che cura la sezione handicap: "il diritto all'educazione e all'istruzione della persona handicappata, nelle scuole superiori e nelle università , è garantito anche dalla Legge 104/92, art.12 comma 2, oltre che dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 215/1987.

La C.M. n. 262/88, indica le modalità operative per l'attuazione della sentenza della Corte Costituzionale.

La Legge 62/2000 obbliga le scuole private che ottengono la parità scolastica, a realizzare l'integrazione scolastica, come previsto dall'art. 1, comma 4 lettera 'e', comma 14, della stessa legge. Le iscrizioni sono regolamentate dalla C.M. 311/99."

Ecco il comma 3 della Circolare Ministeriale 23 dicembre 1994, n. 363

3. Iscrizione di alunni in situazioni di handicap

3.1 All'atto dell'iscrizione e, comunque, entro il termine del 28 febbraio, per gli alunni individuati in situazione di handicap fisico, psichico o sensoriale con le modalità di cui al D.P.R. 24/2/1994 (in G.U. 15/4/1994, n. 87) deve essere presentata da parte di uno dei genitori o di chi esercita la potestà familiare, la diagnosi funzionale prevista dallo stesso decreto presidenziale o, in mancanza, in via provvisoria, il certificato dello specialista o dello psicologo in servizio presso l'U.S.L. o in regime di convenzione con la medesima. A tal fine, i Provveditori agli Studi inviteranno le UU.SS.LL. a un tempestivo rilascio della suddetta certificazione. Resta confermato che, come precisato con C.M. n. 181 del 7/6/1993, in presenza di parere negativo definitivo dell'U.S.L., non può essere effettuata alcuna iscrizione agli istituti tecnici, professionali e artistici.

3.2 Ove tale documentazione non venga prodotta, il capo d'istituto, sentito il consiglio di classe, invita la famiglia, per iscritto, a produrre la documentazione stessa, necessaria per l'esercizio del diritto all'integrazione scolastica, con l'avvertenza che non provvedendo entro dieci giorni, il capo dell'istituto medesimo potrà direttamente rivolgersi all'U.S.L. Ove la famiglia espressamente rifiuti di produrre la certificazione, l'alunno non può in alcun modo considerarsi in situazione di handicap, a meno che nel suo interesse non intervenga il Tribunale per i minori.

3.3 Qualora presso lo stesso istituto d'istruzione secondaria superiore si verifichi un rilevante numero di iscrizioni di alunni in situazione di handicap in rapporto al numero delle classi prime che si prevede di attivare, al fine di evitare che il numero di handicappati in una stessa classe vanifichi il processo d'integrazione, possono essere accolte le iscrizioni al massimo di due alunni per classe o, in casi eccezionali, di tre alunni, previa delibera del collegio dei docenti. Ove le domande d'iscrizione siano superiori alla ricettività dell'istituto determinata in base al suddetto parametro, i presidi promuovono riunioni dei consigli d'istituto per la tempestiva individuazione di criteri di priorità nell'accoglimento delle domande. Tali criteri devono essere ispirati, oltre che all'esigenza di evitare che le iscrizioni avvengano in base a elementi occasionali o contingenti, preferibilmente in base al principio della vicinanza alla scuola della residenza o del domicilio degli aspiranti, della vicinanza del posto di lavoro di uno dei genitori e così via. In casi di particolare necessità , il capo d'istituto avverte immediatamente il Provveditore agli Studi, che, ove possibile, provvede, sentite le famiglie e gli altri capi d'istituto interessati, ad una redistribuzione in altri istituti dello stesso ordine. In considerazione di quanto sopra, nella domanda d'iscrizione devono essere indicati due o tre istituti ai quali si desidera essere iscritti in caso d'impossibilita’ di accoglimento nella prima scuola.

3.4 Il terzultimo comma della circolare ministeriale 5/6/1993, n. 181 è così sostituito: "L'individuazione dell'alunno come soggetto in situazione di handicap e dell'idoneità alla frequenza di istituti d'istruzione secondaria superiore, nei quali sono previste attività di laboratorio - idoneità richiesta soltanto in relazione all'incolumità dell'alunno - viene effettuata sulla base di certificato rilasciato da uno psicologo o medico specialista in servizio presso l'U.S.L., ai sensi del citato D.P.R. 24/2/1994".

Add a comment

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Quali documenti occorrono per ottenere l’esenzione dal servizio militare obbligatorio, ad esempio del fratello di una ragazza disabile al 100%?

Nel momento in cui il fratello viene chiamato a visita militare occorre presentare la seguente documentazione: verbale di riconoscimento dei benefici della legge 104, 5/2/92; certificato medico della struttura pubblica che attesti la gravità e il tipo di patologia; domanda in carta semplice che dichiari che nessun altro fratello abbia usufruito dei benefici della ferma di leva; autocertificazione dello stato di famiglia da cui risulti che il fratello sia convivente. Tutto il materiale va inviato insieme alla cartella di precetto all'ufficio di reclutamento di zona il cui indirizzo è proprio nella cartella stessa.

Add a comment

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Che cosa accade in caso di sciopero degli insegnanti o del personale scolastico quando è necessario il servizio di accompagnamento in auto? In questi casi è garantita ugualmente l’assistenza dello scuolabus?

Purtroppo in caso di sciopero l'assistenza agli alunni in situazione di handicap ed in generale a tutti gli alunni è regolata da disposizioni precise, concordate di volta in volta tra i sindacati ed il dirigente scolastico. Quindi disagi come quelli segnalati sono difficilmente risolvibili.

Add a comment

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Come si possono risolvere i problemi di inserimento dei giovani affetti da autismo nelle strutture scolastiche e favorirne l’integrazione anche nella società ?

La realtà dei bambini autistici è la più difficile da gestire per ciò che concerne le patologie neuropsichiatriche. Per il Centro Sud, ad esempio, un referente è il Prof. Zappella di Siena.
Per i navigatori si può visitare il sito http://www.club.it/letizia/indice-i.html creato da due genitori di una bambina autistica. Il sito da qualche tempo funge da centro di raccolta informazioni.
Infine, sul numero di dicembre 2000 della rivista €˜Handicap risposte‚Ž» c'e’ un nutrito servizio sulle problematiche dell'autismo ed il riferimento per l’Unità Operativa di neuropsichiatria, centro per l'autismo, dell'ospedale maggiore di Bologna, coordinato dalla dottoressa Visconti. Il numero di telefono della rivista "Handicap risposte" è lo 0935/650234, il suo sito è: www.risposteh.it. Add a comment

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
La legge n. 13/89 è quella che dà diritto ad abbattere le barriere architettoniche.
Può accadere che, eseguendo lavori a proprie spese, il condominio li consideri come non autorizzati?

Se non si informa prima il condominio si commette un errore.
Anche se il condominio avesse vietato le modifiche, si potevano comunque farle (legge 13 e successive modifiche).
Il consiglio è quello di presentare denuncia ai Carabinieri, forse si configura una "violenza privata".

Add a comment

Altri articoli...