Menu

Tipografia

Le guide turistiche per persone con disabilità saranno il frutto del nuovo progetto di Valentina Tomirotti, che inaugura la figura professionale del travel agent diversamente abile

Una guida turistica step by step che possa raccontare e mappare il territorio e l'offerta culturale nazionale e non, vissuta da un'altezza diversa: ad un metro da terra, seduta in carrozzina. E’ questa la nuova avventura editoriale itinerante dal titolo “Pepitosa in carrozza” della blogger Valentina Tomirotti, 35 enne mantovana che di sé dice: “Di breve non ho nemmeno il nome e cognome. Scrivo per far centro, racconto tutto, anche la mia vita. Il foglio dice giornalista per vocazione, il cuore batte ribelle per terapia. Il rossetto perfettamente indossato e i capelli all’ultima moda. Una principessa eternamente seduta con lingua biforcuta, cervello ad ingranaggi, social dipendente”.

PER UN VIAGGIARE IN AUTONOMIA - Ora Valentina, che sta finendo il corso per conseguire la patente, si lancia in questo nuovo progetto che la porterà a realizzare delle guide turistiche relativamente alla accessibilità di vari luoghi d’Italia, e non solo, dopo aver preso visione e valutato in prima persona i luoghi, attraverso 4 viaggi che avverranno nel 2019. Le prime guide turistiche così realizzate potrannopoi essere scaricate da tutti online dal sito www.pepitosablog.com.
Cosa interessante: si tratterà di un intero progetto di autonomia al singolare, fattibile anche senza un accompagnatore: una vera novità per il mondo della disabilità, che declina un portatore d’handicap sempre al plurale.

UN VIAGGIO A TAPPE - Il progetto Pepitosa in carrozza prevede anche delle modalità inedite di raccolta delle informazioni e loro elaborazione, in un continuo confronto con i lettori. Viaggiare, visitare, conoscere luoghi con un occhio attento alle reali necessità di chi si muove in carrozzina, raggiungendo fisicamente i luoghi, raccontando al pubblico in modo diverso: non solo ci sarà lo storytelling di una località dopo averla visitata, ma anche il racconto live online per stimolare il pubblico connesso ad interagire e sviluppare nuovi collegamenti e promozioni.

INTERAZIONE E DIRETTE LIVE COI LETTORI - Per spostarsi nelle varie tappe, Valentina si doterà di una automobile opportunamente adattata e allestita, a bordo della quale saliranno  e percorreranno km con lei persone e personaggi locali che vogliano raccontare una nuova accessibilità, non solo di tipo turistico, ma anche mentale e sociale. L’auto che raccoglierà queste chiacchierate sarà una vera e propria postazione e cabina di regia 2.0: all’interno, sarà dotata di tecnologia per permettere la condivisione in tempo reale del racconto, immagini o stimoli/suggerimenti attraverso i canali social.

RACCONTO ONLINE E GUIDA SCARICABILE – Il progetto si estrinsecherà quindi  in un racconto online, ma anche offline: quello della “decantazione post-viaggio”, il momento in cui il materiale raccolto assumerà le sembianze editoriali di una guida turistica scaricabile direttamente dal sito www.pepitosablog.com
Questo progetto si pone l’obiettivo ulteriore di stimolare, al tempo stesso, i luoghi turistici a sviluppare accessibilità per tutti.

LA MACCHINA DI VALENTINA - Questo l’obiettivo finale del progetto di Valentina; in mezzo, il percorso che la porterà letteralmente a mettere in moto questa avventura. Per realizzarlo, infatti, la prossima importante tappa è acquistare l’automobile, che sarà la vera base operativa del progetto. Per aiutare Valentina a raggiungere questo obiettivo si può contribuire attraverso il crowdfunding: 70 mila€ da raccogliere in 40 giorni tramite la piattaforma Eppela: www.eppela.com/pepitosaincarrozza per mettere le ruote al mondo di Pepitosa.
Alle favole ci credo ancora, mentre mi spuntano i primi capelli bianchi che cerco di coprire in ogni modo, tentando così di rimanere bambina. E la mia fiaba preferita è sempre stata Peter Pan, che sapeva come essere sempre felice, talmente tanto da riuscire a volare. - dice Valentina Tomirotti- Anche per me è arrivato il tempo di volare e i motori si stanno scaldando, ma per partire c’è bisogno della spinta di tutti voi. Vi prometto un viaggio meglio del tour dell’Isola che non c’è. Peter Pan rimarrà solo una bella favola, mentre Pepitosa in carrozza, sono certa, diverrà realtà. Finalmente potrò dire: “ti passo a prendere io!”

Per info sul progetto:
www.pepitosablog.com


Potrebbe interessarti anche:

Google e Airbnb per l'accessibilità, i progressi e i miglioramenti da fare in Italia

Visitare la Puglia e il Salento in sedia a rotelle: il mio viaggio on the road


Redazione