Menu

Tipografia

Nella collana I Geodi, il libro Che bambino fortunato! dà idealmente voce al fratello di un bambino disabile, mentre le tavole illustrate di Che cos’è una sindrome? ci spingono in un vortice di suggestioni

Ci siamo già occupati in passato dei libri di uovonero, casa editrice per bambini specializzata nella pubblicazione di volumi che abbracciano la disabilità sia nei contenuti che nella forma, con la proposta di testi che trattano di diversità, e di volumi che possono anche essere fruiti da chi abbia difficoltà o problemi di lettura.

Quella che ci offre uovonero è sempre una lettura non solo accessibile, ma inclusiva, aperta e accogliente: una immersione, con codici verbali e non solo, in ciò che può essere diverso; l’invito, sempre, a fare una piccola corsa in spazi mai scontati abitati dall’altro.

IL RACCONTO DI UN SIBLING
Tra le novità editoriali più interessanti, nella collana I Geodi , dedicata, appunto, al racconto della disabilità, uovonero propone Che bambino fortunato!,  di Lawrence Schimel e Juan Camilo Mayorga, un volume nel quale i disegni costruiscono lo spazio delle pagine dando forma alla voce narrante: quella di un bambino che racconta. Ci racconta che a casa sua si vive in modo un po’ diverso rispetto a come vive il suo amico Carlo: bisogna rimettere sempre gli oggetti al loro posto, bisogna stare attenti a tante cose e avere alcune accortezze quando si gioca. Il che può sembrare una scocciatura, ma non lo è affatto: serve perché il suo fratellino Davide possa trovare gli oggetti, o non si faccia male. Davide, infatti, non vede, ma può fare un sacco di cose, ed è come se avesse dei poteri speciali: ha un’ottima memoria, può leggere anche al buio, e sa inventare delle storie bellissime.
…Essere bambini fortunati significa avere un ottimo amico e un fratello meraviglioso!
Pregio principale di questo volume è quello di dare voce a un sibling, e di raccontare la diversità proprio come farebbe il fratello di un bambino con disabilità: con la naturalezza di chi la vive in casa.
Il libro dà ai piccoli lettori anche la possibilità di provare a cimentarsi con la lettura tattile: nelle ultime pagine viene riportato l’alfabeto Braille con le corrispondenti lettere, invitando i bambini a tradurre le due pagine centrali del volume, scritte appunto con i punti in rilievo. Un modo, questo, per mostrare in che modo legge chi non vede.

Fascia di età:
dai 7 anni
Autore: Lawrence Schimel
Illustratore: Juan Camilo Mayorga



SPIEGARE LA DISABILITA’
Si rivolge a lettori più grandi (anche adulti, perché no), il volume Che cos’è una sindrome?, composto dalle grandi tavole illustrate di Giovanni Colaneri , sempre per la collana I Geodi. 

La prima pagina ci dice già che questo è un libro più di domande che di risposte: un grande punto interrogativo campeggia subito dopo la copertina (ma anche nella copertina stessa, mimetizzato), ma una scala a pioli, piccola ma coraggiosa, ci invita ad affrontare la sfida. Una dopo l’altra, allora, le suggestioni visive accompagnate da un titolo che è anche una domanda ci incalzeranno pagina dopo pagina: la sindrome è una cosa seria? una crisi? un disordine? una salita? un colore, un sentiero, una storia in comune…?. Di certo è qualcosa che ci riguarda: pur avendo tante forme, pur essendo di molti tipi (almeno 1400), chi ha una qualunque delle molte sindromi possibili, è come noi, con gli stessi sentimenti, gli stessi desideri, ma con molte più sfide da vincere davanti a sè. Sfide che può affrontare molto meglio con il nostro supporto.
Allora la risposta, se una risposta c’è, sta lì, nella piccola scala appoggiata al ?: sta nel nostro coraggio e nella nostra capacità di immergerci, forse, in tutto questo, senza paura di smarrirci, senza paura di non capire la lingua, senza paura di lasciarci catapultare altrove.

Fascia di età:
dai 7 anni
Autore: Giovanni Colaneri

Per info:

www.uovonero.com

Potrebbe interessarti anche:

Mi sento un pesce sull’albero: ti racconto la mia dislessia

In libreria la favola di Biancaneve per i bambini con difficoltà di lettura

Il Fonzie di Happy Days, Henry Winkler, scrive di dislessia: la sua e quella Di Hank Zipzer

Francesca Martin