Menu

Tipografia

In Consiglio dei Ministri ok allo schema di decreto legislativo attuativo della direttiva europea su equlibrio tra attività professionale e vita familiare per genitori e caregiver

“Dopo l’assegno unico, un’altra misura per aiutare le famiglie che si occupano di una persona con disabilità. In Consiglio dei ministri abbiamo approvato definitivamente lo schema di decreto legislativo che attua la Direttiva Ue relativa all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e prestatori di assistenza, introducendo novità per i caregiver in termini di congedo”. Lo dice in una nota la ministra per le Disabilità, Erika Stefani.

Così la nota:

Estesa ai conviventi e alla parte dell’unione civile il diritto a ottenere il congedo di due anni (Dlgs 151/2001), riducendo a un mese i tempi di accoglimento dell’istanza, e quello di fruire di tre giorni di permesso mensile (legge 104), riconoscendo anche la possibilità di fruirne in maniera alternata.
E’ introdotto poi il diritto alla priorità per lo smart working e altre forme di lavoro flessibile, esteso non solo ai caregiver ma anche alle persone con disabilità gravi.
Inoltre abbiamo chiesto all’INPS di attivare servizi informatici specifici per informare sull’accesso ai congedi, assicurando che le aziende sanitarie locali e i servizi socio-s sanitari forniscano informazioni complete

Per approfondire:

DIRETTIVA (UE) 2019/1158

Potrebbe interessarti anche:

Permessi legge 104 e congedo straordinario ai conviventi. Nuovi benefici ai parenti


Congedo retribuito per assistere familiari disabili: circolare INPS su figlio non convivente

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

-->