Menu

Tipografia

Il controllo delle certificazioni spetta ai datori di lavoro, pena una sanzione

Come abbiamo segnalato, da oggi scatta l’obbligo di Green Pass rafforzato per i lavoratori over 50 di tutti i settori, così come previsto dal Dl 7 gennaio 2022, n.1. Ricadono quindi nel gruppo anche i lavoratori domestici, badanti e baby sitter che prestano servizio nelle case delle famiglie. Anche queste figure professionali dovranno, quindi, essere in possesso di una certificazione valida che attesti vaccinazione o guarigione (o esenzione dal vaccino anti Covid) per poter prestare il proprio lavoro a contatto con bambini, anziani, persone con disabilità.

Chi deve controllare il Green Pass
Come indicato già in precedenza, il controllo del Green Pass del badante spetta al datore di lavoro, che dovrà controllare tramite app o tramite esibizione cartacea della certificazione, pena una sanzione amministrativa che va da 400 a 1.000 euro.

Cosa succede se la badante non ha il Green Pass
Se la badante non ha il Green Pass, e quindi non è in regola con le nuove disposizioni, non potrà svolgere la sua attività lavorativa. Se, nonostante questo, presterà lavoro ugualmente, rischia una multa dai 600 ai 1.500 euro).

Assenza ingiustificata, stipendio e licenziamento
Qualora la badante over 50 sia priva di Green Pass rafforzato, la sospensione dal lavoro sarà considerata assenza ingiustificata, senza diritto allo stipendio o ad altro emolumento. Durante il periodo di assenza ingiustificata il lavoratore mantiene il diritto alla conservazione del posto di lavoro tuttavia, ricorda Assindatcolf (Associazione Nazionale dei Datori di Lavoro Domestico), qualora venga meno il rapporto di fiducia tra le parti, nel settore domestico è sempre possibile interrompere il rapporto di lavoro senza giusta causa.

PER APPROFONDIRE:

Decreto legge 7 gennaio 2022, n.1

Su questo argomento leggi anche:

Nuove tabelle contributi badanti 2022

Grazie alla spesa delle famiglie per le badanti lo Stato risparmia oltre 11miliardi per anziani e disabili

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione