Menù

viaggi disabili
giochi bambini disabili
triride scooter  disabili

Typografia
La vincitrice della seconda edizione del concorso “TURISMI ACCESSIBILI” adopera il denaro ricevuto per donare  una "Video guida nella Lingua Italiana dei Segni" a un museo o un parco archeologico italiano

Le buone prassi che mettono in atto circoli virtuosi sono quelle che contribuiscono a generare il cambiamento. Ne è un esempio il premio nazionale “TURISMI ACCESSIBILI - Giornalisti, Comunicatori e Pubblicitari superano le barriere”,  bandito dalla onlus abruzzese Diritti Diretti e di cui Disabilicom è stato media partner, che continua a produrre chance per il turismo accessibile.

Rosanna Pesce, vincitrice della seconda edizione del concorso (ve ne raccontavamo qui), ha infatti deciso di adoperare il denaro ricevuto per donare una "Video guida nella Lingua Italiana dei Segni" a un museo o un parco archeologico italiano, affinché i sordi possano godere appieno di un luogo culturale. Pertanto, invita tutti a segnalare all'indirizzo elettronico info@digi-art.it una struttura che potrebbe riceverla.

«Sono felice – ha dichiarato Simona Petaccia, giornalista e presidente Diritti Diretti – perché, con questa edizione, abbiamo raggiunto uno scopo ancora più “alto”: il “virus dell’accessibilità” si sta diffondendo anche in altre città grazie al nostro premio. È questo il vero traguardo che abbiamo conquistato perché la nostra iniziativa non vuole essere un puro concorso, ma desidera mostrare a manager pubblici e privati come l'accessibilità possa migliorare un territorio e la sua offerta turistico-culturale, con notevoli progressi sulla vivibilità delle persone che lo visitano e lo abitano, oltre che con importanti profitti per il mondo delle imprese. DIPENDE DA TE! È questo il motto di Diritti Diretti e la vincitrice l’ha reso concreto con il suo gesto».


Per info:

http://www.dirittidiretti.it/

info@dirittidiretti.it

In disabili.com:

Disabilità, comunicazione e turismo: parliamo di quello che funziona!

Sentire un quadro con le mani per vedere l’arte da un’altra prospettiva
 
Redazione