Menu

Tipografia


Grazie alla collaborazione di tecnici in ciclomeccanica e famiglie, Fondazione Paideia ha creato un parco biciclette in grado di adattarsi alle necessità delle persone con disabilità più gravi

Pedalare a Torino non è mai stato così inclusivo: tutto questo anche grazie a Paideia, Fondazione impegnata dal 1993 nel sostegno a nuclei familiari di persone con disabilità (oltre 3mila dalla sua fondazione e circa 700 attualmente, ndr). Lo scorso 7 aprile, infatti, grazie ad un'apposita campagna di raccolta fondi è stato lanciato "Tutti in sella", servizio di bike sharing su prenotazione completamente accessibile e gratuito.

BENESSERE E DIVERTIMENTO GRAZIE AL BIKE SHARING ACCESSIBILE A TUTTI
Il percorso di promozione sportiva interno a Paideia ha radici lontane nel tempo e si basa sul presupposto che l'attività fisica sia di fondamentale importanza per il benessere psico-fisico delle persone seguite. Il bike sharing rappresenta, grazie ad un parco biciclette in grado di adattarsi anche alle necessità delle disabilità più gravi, solo l'ultimo tassello di una strategia di successo: "La nostra avventura - spiega la responsabile delle attività sportive Elena Grosso è iniziata con l'apertura della piscina e si è arricchita, nel corso del tempo, con la danza, il minibasket, la boccia paralimpica e molto altro. Quest'ultimo progetto, in particolare, è un perfetto esempio di tecnologia applicata allo sport: grazie all'aiuto di tecnici in ciclomeccanica e alla collaborazione delle famiglie, che si sono messe a disposizione per i test drive, abbiamo identificato le bici più adatte, accessibili e comode per tutti".

signore guida una bicicletta adattata per ospitare anche un bambino con disabilità a bordo


"Tutti in sella" si inserisce perfettamente nella più ampia mission della Fondazione: "Il nostro obiettivo - sottolinea il Direttore di Paideia Fabrizio Serraè da sempre quello di sostenere e supportare le persone con disabilità e le loro famiglie secondo il modello Family Centered Care: le attività riabilitative, sportive e ricreative proposte hanno come finalità il miglioramento della qualità della vita di tutto il nucleo; grazie al bike sharing tutti potranno divertirsi godendo di un'esperienza unica che trasmette benessere e felicità. ".

I COMPLIMENTI DEL SINDACO DI TORINO STEFANO LO RUSSO
Durante l'evento di presentazione era presente anche il Sindaco di Torino Stefano Lo Russo, il quale ha provato in prima persona le biciclette complimentandosi per i risultati raggiunti: "Paideia - ha commentato – è un orgoglio della nostra città perché, abbinando la cura sanitaria alla cura delle persone e delle relazioni, è da sempre attenta alle fragilità. Questo tema, così come quello delle solitudini, è sempre presente sulla mia scrivania e la Fondazione rappresenta un punto di riferimento molto importante; questo progetto, inoltre, consente a tutti di fare sport ammirando le risorse ambientali e usufruendo delle infrastrutture ciclabili (oltre 200 km, ndr) di Torino".

Per prenotare le biciclette di "Tutti in sella" (disponibili il sabato presso il Centro Paideia di Via Moncalvo 1) è sufficiente chiamare il numero 0110462400 o scrivere all'indirizzo e-mail info@centropaideia.org.

Per info:

https://fondazionepaideia.it/

Potrebbe interessarti anche:

Montagna e disabilità. A Courmayeur Alice Leccioli toglie l’esoscheletro e sale sullo snowboard

Viaggiare con disabilità tra Casentino e Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise in carrozzina

Marco Berton

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione