Menu

Tipografia

Nonostante l’emergenza pandemica, si terranno anche quest’anno le prove Invalsi in tutte le scuole italiane

Manca ormai poco alla fine dell’anno scolastico e, molto probabilmente, gran parte degli alunni potrà frequentare le ultime settimane di scuola in presenza.
Questo è anche il periodo dell’anno scolastico in cui sono da diversi anni calendarizzate le prove Invalsi e, anche per quest’anno, sono state fissate le date ormai da tempo. Queste ultime e la stessa organizzazione delle prove potranno subire variazioni in seguito all’evolversi della situazione sanitaria. Di seguito il calendario previsto per le somministrazioni.

SCUOLA PRIMARIA (Prova cartacea)
II primaria
·         Italiano: giovedì 6 maggio 2021
·         Matematica: mercoledì 12 maggio 2021

V primaria
·         Inglese: mercoledì 5 maggio 2021
·         Italiano: giovedì 6 maggio 2021
·         Matematica: mercoledì 12 maggio 2021

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
III secondaria di primo grado (prova al computer - CBT)
·         Prove di Italiano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto): da mercoledì 7 aprile 2021 a venerdì 21 maggio 2021. Nei casi di necessità la chiusura della finestra di somministrazione potrà essere prorogata sino al termine delle lezioni.

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO
II secondaria di secondo grado (prova al computer - CBT)
La comunicazione alle scuole se si svolgeranno le prove della seconda secondaria di secondo grado verrà fornita in seguito in base all’evoluzione della situazione pandemica.
 V secondaria di secondo grado (prova al computer - CBT)
·         Prove di Italiano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto): da lunedì 1 marzo 2021 a mercoledì 30 aprile 2021 (data eventualmente posticipabile a livello di singola scuola in base all’evoluzione della pandemia). Nei casi di necessità la chiusura della finestra di somministrazione potrà essere prorogata sino al termine delle lezioni.

Il D. Lgs. n. 62/17 prevede che gli alunni con disabilità partecipino alle prove standardizzate. Il consiglio di classe o i docenti contitolari della classe possono all’occorrenza predisporre specifici adattamenti o l’esonero della prova. Gli alunni con disabilità sostengono le prove con l’uso di attrezzature e sussidi didattici adeguati, nonché, se necessario, con ausili tecnici ad hoc e previsti all’interno del PEI ( piano educativo individualizzato).

Per gli alunni con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) il consiglio di classe può disporre adeguati strumenti compensativi coerenti con il PDP. Gli alunni con DSA dispensati dalla prova scritta di lingua straniera o esonerati dall’insegnamento della lingua straniera non sostengono la prova nazionale di lingua inglese.

In base al D.Lgs. n. 62/17, dunque, possono essere previste eterogenee misure di personalizzazione e individualizzazione solo per gli studenti con certificazioni riconosciute ai sensi della Legge n. 104/92 e legge 170/2010.

Per gli alunni che presentato altri Bisogni Educativi Speciali, come ad esempio altri disturbi di tipo evolutivo, disagi o svantaggi di tipo socio-economico, linguistico o culturale, non sono previsti accorgimenti in sede di prove Invalsi.

Resta da chiedersi se tutto ciò possa davvero essere coerente con una scuola inclusiva, ma forse possediamo già la risposta.

APPROFONDIMENTI

Le prove Invalsi per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Circolare Prove Scuola Primaria

Protocollo di somministrazione Primaria

Invalsi SID

In disabili.com

Prove Invalsi per studenti con BES

Tina Naccarato

Qui le ultime su Coronavirus, vaccini e disabilità
bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->