Menu

Tipografia

Nei prossimi giorni si svolgeranno le prove Invalsi in tutte le scuole primarie e nelle classi seconde delle scuole secondarie di secondo grado: alcune informazioni

Le Rilevazioni Nazionali Invalsi per l’anno scolastico 2018/19, già effettuate nel mese di marzo nelle classi quinte di Scuola Secondaria di Secondo Grado e nel mese aprile nelle classi terze di Scuola Secondaria di Primo Grado, prenderanno il via, per la Scuola Primaria e per le classi seconde di Scuola Secondaria di Secondo Grado, nei prossimi giorni, secondo il seguente calendario:

  • II primaria (prova cartacea):

- Italiano: 6 maggio 2019
- Prova di lettura solo per le classi campione: 6 maggio 2019
- Matematica: 7 maggio 2019

  • V primaria (prova cartacea):
- Inglese: 3 maggio 2019
- Italiano: 6 maggio 2019
- Matematica: 7 maggio 2019

  • II secondaria di secondo grado (prova al computer - CBT): Italiano, Matematica
- classi NON campione: dal 6 maggio 2019 al 18 maggio 2019
- classi campione: dal 7 maggio 2019 al 10 maggio 2019

Eventuali richieste di posticipo, nella Scuola Primaria, sono state presentate già nei mesi scorsi.

Le prove di quest’anno tengono conto delle modifiche introdotte dal D. Lgs. 62/17 e sono state indicate nel dettaglio già nello scorso agosto.

SCUOLA PRIMARIA - Le prove saranno strutturate con le medesime modalità già previste per l’.a.s. 2017/18. Gli alunni con disabilità o DSA che effettueranno le Rilevazioni avranno a disposizione 15 minuti in più per lo svolgimento di ciascuna prova.


CLASSI SECONDE DI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - Come indicato dal D. Lgs. 62/17, si prevedono, per gli alunni con disabilità, diverse soluzioni, tra cui scegliere in base a quanto previsto dal PEI:
- la somministrazione delle prove INVALSI CBT nel loro formato standard;
- la somministrazione delle prove INVALSI CBT con il supporto di misure compensative;
- l’esonero dalle prove.
In base alla valutazione del Consiglio di classe, l’allievo disabile può essere presente nell’aula in cui si svolgono le prove INVALSI CBT. L’eventuale presenza del docente di sostegno dev’essere organizzata in modo da non modificare in alcun modo il protocollo di somministrazione per gli altri allievi della classe.
Per gli alunni con DSA, in base al D. Lgs. 62/17, si prevedono le seguenti possibilità, sulla base da quanto previsto nel PDP:
- la somministrazione delle prove INVALSI CBT nel loro formato standard;
- la somministrazione delle prove INVALSI CBT con il supporto di misure compensative.

Così recita, nello specifico, il D. Lgs. 62/17:

  • (Art. 11, co 4) Le alunne e gli alunni con disabilità partecipano alle prove standardizzate di cui agli articoli 4 e 7. Il consiglio di classe o i docenti contitolari della classe possono prevedere adeguate misure compensative o dispensative per lo svolgimento delle prove e, ove non fossero sufficienti, predisporre specifici adattamenti della prova ovvero l'esonero della prova.
  • (Art. 11, co 14) Le alunne e gli alunni con DSA partecipano alle prove standardizzate di cui all'articolo 4 e 7. Per lo svolgimento delle suddette prove il consiglio di classe può disporre   adeguati strumenti   compensativi   coerenti   con    il    piano    didattico personalizzato. Le alunne e gli alunni con DSA dispensati dalla prova scritta di lingua straniera o esonerati dall'insegnamento della lingua straniera non sostengono la prova nazionale di lingua inglesedi cui all'articolo 7.


APPROFONDIMENTI:

Invalsi: area prove
 
Organizzazione delle prove: Scuola Primaria
 
Protocollo di somministrazione per le classi seconde delle Scuole Secondarie di Secondo Grado


Tina Naccarato