Menu

Tipografia

La legge permette ai singoli Comuni di concedere o meno la gratuità della sosta negli stalli con strisce blu anche alle persone dotate di contrassegno auto per disabili

Blindsight Project, associazione impegnata nella diffusione della consapevolezza dei diritti delle persone con disabilità, ha lanciato una petizione per chiedere che in tutti i Comuni italiani i parcheggi siano resi gratuiti per le auto dotate di contrassegno disabili.

Come ben sanno le persone con disabilità, infatti, non in tutte le città è consentito parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu, anche quando in possesso di contrassegno auto rilasciato agli aventi diritto. Si tratta infatti di una scelta “discrezionale” che varia da Comune a Comune:  è il comma 5 dell’articolo 1 del DPR 115 del 30 luglio 2012, che permette alle singole Amministrazioni Comunali di concedere la gratuità dei parcheggi se il contrassegno per disabili viene ben esposto all’interno dell’auto, ma non li obbliga a farlo: “… il comune può inoltre stabilire, anche nell’ambito delle aree destinate a parcheggio a pagamento gestite in concessione, un numero di posti destinati alla sosta gratuita degli invalidi muniti di contrassegno, superiore al limite minimo previsto dall’articolo 11, comma 5 del Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503, e prevedere altresì, la gratuità della sosta degli invalidi nei parcheggi a pagamento qualora risultino già occupati o indisponibili gli stalli a loro riservati . …”.
Questa “libertà discrezionale” fa sì che in alcuni Comuni si possa parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu (quando i posti riservati ai disabili siano già occupati), e in altri Comuni invece no, a parità di possesso del contrassegno invalidi, con il rischio reale e diffuso di incappare in sanzioni.

Ricordando a tutti che la disabilità non è uno stile di vita, ma una condizione che non si può cambiare – ribadisce il gruppo di Blindsight project  - auspichiamo che ogni Comune italiano che ancora non lo fa renda gratuiti i parcheggi a tutti coloro che espongono il contrassegno per disabili, se la persona disabile è trasportata dall’auto da parcheggiare. Ciò renderebbe la nostra Nazione meno disomogenea, in particolar modo per chi è disabile e guida, o per i familiari (soprattutto genitori) di persone disabili.
La petizione ha il solo scopo di “pesare” il volere dei cittadini, affinché la condizione di disabilità trovi una migliore qualità della vita.

I promotori della petizione invitano infine gli amministratori comunali a consultare  e prendere visione della mappa reale (in fieri) dei Comuni che hanno già reso gratuito ogni parcheggio alle persone disabili o loro accompagnatori, e di quelli che invece ancora fanno pagare, pubblicata sul gruppo Facebook “Fotografa l’Impostore”. In questa pagina è inoltre possibile contribuire alla lista, inserendo i Comuni che applicano o non applicano tale possibilità.

Per approfondire:
Il link alla petizione

Potrebbe interessarti anche:

Ferrari parcheggiata sul posto disabili: basta condanne morali, servono azioni legali

Viaggi in auto. Come e dove usare il contrassegno auto per disabili in Italia e all’estero

Chi ha diritto al rilascio del contrassegno


Redazione
 
Designed by Freepik