Menu

Tipografia

Il primo firmatario della proposta di legge, Gianfranco Rufa: "Nostro pdl aumenta i fondi del 5xmille di 300 milioni e introduce novità importanti. Facciamo squadra per perfezionare il testo"

In merito alla proposta di legge che potrebbe andare a modificare l’attuale assetto del 5 per mille, il primo firmatario del testo, il sen. Gianfranco Rufa (Lega), si rivolge direttamente al Terzo Settore, che ha criticato aspramente il testo del provvedimento, già approvato in Senato.

Di seguito le dichiarazioni del senatore: “Chiediamo al terzo settore una più attenta riflessione sui contenuti del pdl Rufa e di fare squadra per perfezionare il testo del provvedimento, evitando polemiche pretestuose che danneggiano tutti senza migliorare nulla. Anzitutto occorre specificare che il testo non introduce un fondo assistenza per il personale di Forze di Polizia e delle Forze Armate ‘tout court’ ma li vincola ad una funzione solo previdenziale, come ad esempio il sostentamento per le famiglie di agenti deceduti in servizio.
Bisogna poi ricordare che dopo l’approvazione in Senato, il testo ha già visto delle proposte emendative che arrivano proprio dalla Lega. In primis di un aumento di 300 milioni del fondo previsto per il 5xmille, che passerebbe dagli attuali 500 circa ad un totale di circa 820, garantendo maggiori contributi a disposizione di tutti. Viene inoltre introdotta maggiore libertà di scelta per il cittadino attraverso il meccanismo della multipla distribuzione: una novità attesa da tempo e che darà a ciascuno la possibilità di destinare la propria quota del 5xmille anche a più realtà e non soltanto ad una.
Iniziative importanti e novità che non sono contro le associazioni ma andrebbero a migliorare il sistema del terzo settore, nell’ottica di valorizzare il quadro complessivo.
Peraltro come Lega abbiamo anche proposto al Ministro per l’Istruzione di inserire il volontariato nel percorso scolastico come elemento di valutazione, per stimolare i giovani a prendere parte alla cosa pubblica nell’interesse della collettività.
In conclusione dire che il pdl Rufa è un ‘pericoloso precedente’ e sostenere che ‘va a snaturare la funzione del 5xmille’ non solo è scorretto, ma sembra dimostrare che la volontà non è quella di confrontarsi nel merito ma di creare confusione per affossare un lavoro utile anche al terzo settore. Auspico che questa polemica possa terminare al più presto e che tutti si possa fare squadra e confrontarsi realmente sui contenuti del testo, che non è contro le associazioni ma ha l’obiettivo di introdurre migliorie e novità utili sia al terzo settore che agli uomini e donne in divisa”. 


Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

-->