Menu

Tipografia

Confermata l'APE Sociale, mentre per Opzione donna cambiano i requisiti: in pensione a 60 anni solo caregiver, lavoratrici invalide o licenziate

Con l’approvazione del disegno di legge sulla prossima manovra di bilancio, che è approdato intanto a Montecitorio in questi giorni con una bozza aggiornata, e che dovrà essere discusso e approvato in Parlamento in via definitiva entro l’anno corrente, sono state annunciate anche delle novità in ambito pensionistico, orientate ad evitare il ritorno a pieno regime della Legge Fornero dal 1 gennaio 2023.

Si sta iniziando quindi a parlare di Quota 103, ovvero un nuovo scaglione che dovrebbe consentire di andare in pensione a 62 anni di età, dopo aver maturato almeno 41 anni di contributi. Questo significa che potranno accedere a questa forma di prepensionamento solo i lavoratori che abbiano iniziato a lavorare entro i 21 anni.

In attesa di una più ampia riforma previdenziale, vengono intanto confermate, con alcuni correttivi, due modalità di prepensionamento già in vigore, ovvero l’APE Sociale e Opzione Donna. Vediamo cosa è previsto per il 2023, con particolare riferimento alle persone con disabilità, invalidità e caregiver.

APE SOCIALE 2023: REQUISITI
Anche nel 2023 ci sarà la possibilità, solo per alcune categorie di lavoratori e lavoratrici, di andare in pensione anticipatamente con l’Ape sociale, ovvero con 63 anni di età e 30 anni di contributi. Tra coloro che possono accedere a questa forma di prepensionamento, caregiver e invalidi. Vediamo i requisiti.

Chi può accedere
Possono scegliere questa opzione solo alcune categorie di lavoratori e lavoratrici:
· disoccupati,
· invalidi con riduzione della capacità lavorativadi almeno il 74%,
· caregiver da almeno 6 mesi di familiari disabili
(Persone che assistono, al momento della richiesta e da almeno sei mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 104, o un parente o un affine di secondo grado convivente qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i 70 anni di età oppure siano anch'essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti, e sono in possesso di un'anzianità contributiva di almeno 30 anni);
· dipendenti, al momento della decorrenza dell'indennità, in possesso di almeno 36 anni di anzianità contributiva e che abbiano svolto da almeno sette anni negli ultimi dieci ovvero almeno sei anni negli ultimi sette una o più delle seguenti professioni (cd. gravose), di cui all’allegato 3 della legge 234/2021:
  • professori di scuola primaria, pre-primaria e professioni assimilate;
  • tecnici della salute;
  • addetti alla gestione dei magazzini e professioni assimilate;
  • professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali;
  • operatori della cura estetica;
  • professioni qualificate nei servizi personali e assimilati;
  • artigiani, operai specializzati e agricoltori;
  • conduttori di impianti e macchinari per l’estrazione e il primo trattamento dei minerali;
  • operatori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli;
  • conduttori di forni ed altri impianti per la lavorazione del vetro, della ceramica e di materiali assimilati;
  • conduttori di impianti per la trasformazione del legno e la fabbricazione della carta;
  • operatori di macchinari e di impianti per la raffinazione del gas e dei prodotti petroliferi, per la chimica di base e la chimica fine e per la fabbricazione di prodotti derivati dalla chimica;
  • conduttori di impianti per la produzione di energia termica e di vapore, per il recupero dei rifiuti e per il trattamento e la distribuzione delle acque;
  • conduttori di mulini e impastatrici;
  • conduttori di forni e di analoghi impianti per il trattamento termico dei minerali;
  • operai semi qualificati di macchinari fissi per la lavorazione in serie e operai addetti al montaggio;
  • operatori di macchinari fissi in agricoltura e nella industria alimentare;
  • conduttori di veicoli, di macchinari mobili e di sollevamento;
  • personale non qualificato addetto allo spostamento e alla consegna merci;
  • personale non qualificato nei servizi di pulizia di uffici, alberghi, navi,ristoranti, aree pubbliche e veicoli;
  • portantini e professioni assimilate;
  • professioni non qualificate nell’agricoltura, nella manutenzione del verde, nell’allevamento, nella silvicoltura e nella pesca;
  • professioni non qualificate nella manifattura, nell’estrazione di minerali e nelle costruzioni.
Ai fini del riconoscimento dell'indennità, i requisiti contributivi richiesti alle lettere da a) a d) sono ridotti, per le donne, di 12 mesi per ogni figlio, nel limite massimo di due anni.

OPZIONE DONNA PER CAREGIVER/INVALIDA
Altra possibilità di prepensionamento, stavolta riservata a donne invalide o donne caregiver, è data dall’Opzione Donna, che viene prorogata nel 2023 ma con alcuni importanti correttivi, che sono stati inseriti nell’ultima bozza della Manovra. La novità consiste nel fatto che l’opzione è legata anche alla presenza e al numero di eventuali figli.

Requisiti
In questo caso si prevede la possibilità, per chi abbia i requisiti, di andare in pensione a 60 anni, con almeno 35 anni di contributi. L’età va via via scendendo, se ci sono dei figli (fino ad un massimo di 2), secondo questa scaletta:
· 60 anni di età e 35 anni di contributi, senza figli
· 59 anni di età e 35 di contributi, in presenza di un figlio/a
· 58 anni di età e 35 di contributi, in presenza di due figli/e

Categorie di lavoratrici ammesse
Può accedere al prepensionamento tramite Opzione donna solo la lavoratrice appartenga a una delle tre categorie:
- caregiver familiare,
- invalida civile con una riduzione della capacità lavorativa superiore o uguale al 74%;
- lavoratrice licenziata o dipendente di imprese per le quali è attivo un tavolo di crisi aziendale.

Potrebbe interessarti anche:


Novità legge 104

Redazione



bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->