Menu

Tipografia


La paralimpica di corsa in carrozzina, vincitrice delle maratone di Berlino e Londra, si è aggiudicata il prestigioso premio succedendo al connazionale Marcel Hug

il premio laureuse, a fianco, Catherine Debrunner a bordo di una handbikeIl Laureus Award all'atleta con disabilità dell'anno è "rimasto" in Svizzera: ad ottenere il prestigioso riconoscimento, succedendo al connazionale Marcel Hug, è stata infatti la paralimpica di corsa in carrozzina Catherine Debrunner. La cerimonia di consegna del premio si è svolta a Parigi lo scorso lunedì 8 maggio.

Debrunner, 28 anni compiuti lo scorso aprile, nel corso della sua carriera ha conquistato due argenti ai Mondiali di Doha 2015 e Dubai 2019 (rispettivamente nei 200 e 800 metri T53*), un oro mondiale sempre a Dubai 2019 (nei 400 metri T53), tre ori e un bronzo agli Europei di Bydgoszcz 2021 (nei 100, 400 e 800 metri T53 e nei 1500 metri T54**) e un oro e un bronzo alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 (nei 400 e 800 metri T53). Dulcis in fundo, nel 2022 sono arrivati anche i trionfi alle Maratone di Berlino e Londra; nella prima in particolare, ha avuto la meglio sulla cinque volte vincitrice e connazionale Manuela Schär.

Dalle parole rilasciate sul palco del Laureus subito dopo la consegna, Debrunner ha lasciato trapelare tutta la propria emozione: "Essere qui - ha dichiarato – tra i migliori atleti olimpici e paralimpici del mondo è un grande onore: vincere questo premio è un sogno diventato realtà. Colgo l'occasione per ringraziare la mia famiglia il supporto che mi hanno dato fin dall'inizio, i tifosi e gli sponsor che mi aiutano a inseguire i sogni e tutti i tecnici che lavorano duramente per me contribuendo ai miei successi. Infine, un ringraziamento speciale al mio allenatore Arno Mul per rendermi non solo un'atleta migliore, ma anche una persona migliore".

* Classificazione funzionale della corsa/corsa in carrozzina riservata ad atleti con paraplegia grave

** Classificazione funzionale della corsa/corsa in carrozzina riservata ad atleti con paraplegia moderata o amputazione a uno o entrambi gli arti inferiori (fonte FISPES – Federazione Italiana Sport Paralimpici E Sperimentali)

Potrebbe interessarti anche:

 Bebe Vio incoronata ai Laureus Awards atleta dell’anno con disabilità

Marco Berton

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->