Menu

Tipografia

 

Con la sua Obiettivo 3, il campione si propone di supportare, anche fornendo le  attrezzature necessarie, i giovani più promettenti dello sport paralimpico, in vista di Tokyo 2020

Per chi abbia una disabilità approcciarsi allo sport può risultare complesso sotto diversi punti di vista: non ultimo quello economico, se consideriamo che spesso le attrezzature sportive, altamente tecniche, possono costituire una spesa ragguardevole.

Eppure molti sono i talenti che meritano una possibilità: la possibilità di mettersi alla prova. Lo sa bene Alex Zanardi, che sta cercando di avvicinare nuovi giovani con disabilità al mondo dello sport, per comunicare la passione e il coinvolgimento che ha sperimentato nella sua carriera sportiva e che spera di ritrovare anche nelle nuove leve che avanzano.

Da qui la creazione di Obiettivo 3, un nome che esprime la meta del progetto: trovare e supportare almeno tre atleti da mandare alle prossime paralimpiadi di Tokyo del 2020, tra tutti coloro che Alex e il suo team puntano a seguire e a motivare verso il mondo dello sport paralimpico. Dove per supportare si intende anche coprire economicamente lo sforzo per intraprendere gliallemanti necessari a questo ambito obiettivo, fornendo ad esempio il materiale e le attrezzature necessario in comodato d’uso gratuito per gli allenamenti.

Ma per un obiettivo di questo tipo serve lo sforzo di molti: per questo Alex si rivolge, con una lettera aperta, direttamente alle associazioni sportive e alle federazioni che sponsorizzano gli atleti, per esortarli ad una collaborazione e un aiuto reciproci nell’obiettivo di far emergere i nuovi campioni paralimpici di domani. Obiettivo 3, ricorda Alex nella sua lettera, non si vuole sostituire loro nei loro compiti, ma costituire un ulteriore aiuto e sostegno agli atleti perchè non perdano di vista i loro obiettivi e si sentano ascoltati e sostenuti anche a livello economico, nel caso le spese fossero eccessive.

Qui sotto il testo della lettera aperta di Alex Zanardi ad associazioni e società sportive:

Gentilissimi associazioni e società sportive,

Obiettivo 3, come forse già saprete, è un progetto volto a diffondere e stimolare interesse verso lo sport paralimpico, nonché a supportare persone disabili che incontrano difficoltà nell’intraprendere un percorso sportivo. Ci siamo fondati come Società Sportiva Dilettantistica e il nostro interesse non è quello di tesserare gli atleti reclutati, bensì quello di rappresentare un importante supporto ai loro sforzi che possono e devono fare la differenza per gli aspiranti atleti che ci proponiamo di sostenere. Per questo abbiamo ben chiaro che tutti questi ragazzi, una volta avviati al loro progetto agonistico, dovranno partecipare alle gare con la maglia ufficiale della squadra che li tessererà.

Tutte le azioni di comunicazione fatte sinora, firmate Obiettivo3, hanno avuto il solo scopo di diffondere ispirazione verso le persone che attendono di scoprire quante cose possono fare grazie alle loro abilità residue, nonché di sensibilizzare le masse a concedere quell’opportunità che per alcuni può essere decisiva. Uno degli obiettivi per cui ci siamo fondati è anche quello di fornire le attrezzature in comodato d’uso, cosa che peraltro abbiamo già fatto con diverse tra le prime persone che ci hanno raggiunto, e che saremmo felici di considerare per gli atleti che vorrete segnalarci. Trattandosi di ragazzi spesso alla prima esperienza forniamo loro, oltre all’ausilio (carrozzina paralimpica, bicicletta, triciclo o handbike), tutto il materiale necessario comprensivo dell’abbigliamento, decorato anche con il nostro logo.

Crediamo che il vostro importante lavoro di scouting possa essere potenziato anche grazie alla nostra collaborazione. Desideriamo affiancarvi nei vostri sforzi e in ragione di questo vi invitiamo a contattarci qualora doveste imbattervi in persone che vogliono iniziare o continuare la loro attività sportiva ma, pur avendo entusiasmo e capacità in misura sufficiente per riuscire, non dispongono delle risorse elementari per farlo. Il nostro unico desiderio e interesse è quello di avviare un rapporto di collaborazione fattivo con tutti voi. Una condivisione di “rete” ci consentirebbe, grazie al nostro lavoro, di indirizzare gli atleti individuati verso la giusta società con la quale tesserarsi.

Un cordiale e sincero in bocca al lupo a tutti.

Alessandro Zanardi


Qui sotto il video in cui Alex Zanardi spiega come funziona Obiettivo 3


Potrebbe interessarti anche:

Giocare a calcio con le stampelle: storia, sogni e realtà della Nazionale di calcio amputati

Due milioni di euro per lo sport disabili: come candidarsi

Redazione