Menù

Assistenza disabili e anziani
CATALOGO ALL MOBILITY

Typografia



Il Tribunale di Busto Arsizio ha riconosciuto la discriminazione indiretta ai danni di uno studente con disabilità al quale è stato assegnato un monte ore inferiore rispetto a quanto previsto dal PEI 




Non sono rari i casi in cui per vedersi riconosciuti i diritti in fatto di ore di sostegno ed assistenza, le famiglie ricorrono – spesso vincendo – ai tribunali.

Fa notizia la recente sentenza del Tribunale di Busto Arsizio (Varese) che ha condannato la Città Metropolitana di Milano per discriminazione ai danni di uno studente con disabilità al quale non erano state erogate tutte le ore di assistenza educativa assegnate.
Il PEI (Piano Educativo Individualizzato) del ragazzo stabiliva che avesse diritto a 15 ore settimanali di assistenza educativa a settimana, ma la Città Metropolitana di Milano gliene ha assegnate un numero inferiore.

VIENE MENO LA CONDIZIONE DI PARITA’ - Secondo il Tribunale, in questo modo al  ragazzo non è stato garantito di frequentare la scuola in condizione di parità con i suoi compagni di classe, ravvedendo quindi una forma di discriminazione indiretta ai suoi danni.
Dal momento che il diritto all’istruzione per le persone con disabilità “si configura come un diritto fondamentale” - scrive il giudice nella sentenza - la cui fruizione è assicurata tramite “misure di integrazione e sostegno idonee a garantire ai portatori di handicap la frequenza degli istituti d'istruzione", la scelta discrezionale dell'amministrazione di ridurre le ore di “sostegno” agli studenti con disabilità rappresenta una forma di discriminazione indiretta vietata dalla legge 67 del 2006”.

CONDANNA PER DISCRIMINAZIONE -Si tratta di una sentenza importante perché è la prima condanna a Città Metropolitana per la mancata erogazione del servizio di assistenza educativa. Ed è una condanna per discriminazione”, spiega Laura Abet, avvocato del Centro Antidiscriminazione di LEDHA – Lega per i diritti delle persone con disabilità che ha sostenuto questo ricorso.

CHI DEVE EROGARE I SERVIZI - In una situazione di grande caos che si trascina da molti mesi sul tema dei servizi per l’inclusione scolastica degli alunni e studenti con disabilità, la Città Metropolitana di Milano è tenuta a erogare questi servizi. Nello specifico si tratta dell'assistenza alla comunicazione, dell’assistenza ad personam, degli ausili tiflo-didattici e del servizio di trasporto. Servizi che – a partire dall’anno scolastico 2017/2018 - saranno in capo a Regione Lombardia.
Complessivamente, più di 30 famiglie assistite dal Centro Antidiscriminazione di LEDHA hanno presentato cinque ricorsi per ottenere l’assistenza educativa per i propri figli. Ma solo nel caso di Busto Arsizio si è arrivati a sentenza in tempi rapidi, fanno sapere da LEDHA. In tutti gli altri casi, la decisione di Città Metropolitana di chiamare in causa Regione Lombardia ha provocato un allungamento dei tempi e il rinvio delle udienze anche di molti mesi. In un caso addirittura a settembre, all’inizio del nuovo anno scolastico.

RICORSO AL TRIBUNALE E’ UNA SCONFITTA -Siamo soddisfatti di questa sentenza. Tuttavia, siamo convinti che arrivare davanti ai giudici per affermare il diritto degli alunni e studenti con disabilità a frequentare la scuola rappresenti, in un certo senso, una sconfitta – commenta Alberto Fontana, presidente di LEDHA -. Ci auguriamo che non sia più necessario presentare questi ricorsi. I diritti soggettivi degli alunni con disabilità devono essere rispettati da tutti: Regione, Ats e Comuni, in base a quanto previsto dalla nuova normativa che entrerà in vigore con il prossimo anno scolastico. In caso contrario, LEDHA continuerà a tutelare, nelle sedi opportune, i diritti degli alunni e studenti con disabilità”.


In disabili.com:

Ore di sostegno e attuazione del PEI: quali sono i giudici competenti?

 
Redazione