Menu

Tipografia


Una installazione in piazza a Verona ha fatto immergere i passanti nelle sensazioni provate da uno studente con Disturbo Specifico dell’Apprendimento quando non supportato

Il percorso scolastico di bambini o ragazzi con DSA può essere impervio, ricco di inciampi e di rallentamenti: è stato paragonato al percorso di Dante che, dopo essersi ritrovato in una selva oscura, ha faticato per riveder le Stelle, dagli organizzatori di una installazione artistica che ha ricoperto una parte di Piazza dei Signori a Verona lo scorso ottobre, per far comprendere cosa si prova a vivere con un DSA- Disturbo Specifico dell’Apprendimento.

L’installazione, dall’evocativo titolo “A riveder le stelle”, è stata posizionata ai piedi della statua di Dante, dai cui versi prende il nome il progetto, ed era formata da 600 metri quadrati di superficie coperti con l'immagine di un grande mosaico, costituito da tasselli con diverse profondità e illusioni ottiche, sopra il quale i cittadini erano invitati a passeggiare indossando degli occhialini 3D in un percorso interattivo che restituiva immagini e citazioni che rimandavano al tema del viaggio e allo sconforto dell’aver perso la strada. Chi ha passeggiato nel labirinto tridimensionale ha potuto così incontrare Ulisse, Orlando, Alice e altri protagonisti, richiamati attraverso l'utilizzo di simboli rappresentativi delle loro vicende, e ha potuto ascoltarne le citazioni audio dallo smartphone tramite QR code.

L’impressione di chi ha fatto l’esperienza di camminare sul percorso in Piazza Dei Signori era quella di sprofondare su superfici che si inabissavao o sollevavano improvvisamente a terra, grazie ad illusioni ottiche. Il senso generato era quindi quello di uno spaesamento, della mancanza di punti di riferimento, di difficoltà a mettere a fuoco: tutte sensazioni che hanno conosciuto almeno una volta le persone con DSA nel loro percorso scolastico senza il necessario supporto di strumenti compensativi.


L'installazione  è  stata  organizzata  dal Coordinamento  regionale  dell’Associazione  italiana  dislessia  (AID)  e,  in  particolare, dalla Sezione provinciale AID di Verona, per la sesta edizione della Settimana nazionale della dislessia, con il patrocinio e il contributo dell'assessorato alla Cultura del Comune di Verona  e in collaborazione con il Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri. Il  progetto,  ideato  da  Raffaella  Tajoli,  direttore  creativo  e volontaria  AID,  con  la  collaborazione  di  Marcel Clemens, astrofisico e fotografo.

Qui sotto, un video-racconto dell’installazione "A riveder le stelle”, evento realizzato con il contributo e il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Verona




Per poter vedere immagini e citazioni dal proprio pc è possibile accedere attraverso questo link.

Altre novità e info sui DSA:

Concorsi pubblici e DSA: ecco come richiedere tempo aggiuntivo e misure compensative

Patente di guida per candidati con DSA: ecco la tabella con il tempo aggiuntivo per l’esame

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->