Menu

Tipografia


Diverse le segnalazioni di problematiche sull’assegnazione degli insegnanti di sostegno per alunni con disabilità. La parola alle famiglie

Mentre gli ultimi dati sulla scuola rilevano un aumento costante del numero degli studenti con disabilità, che in Italia si attestano su oltre il 3,5% del totale degli iscritti, ci sembra di scrivere sempre lo stesso articolo quando, a un mese dall’inizio delle lezioni, ci ritroviamo a ricevere segnalazioni sugli ormai cronici problemi dal fronte del sostegno, che vanno dalla mancata assegnazione degli insegnanti, al ritardo nell’avvio delle lezioni per tutti, solo per citarne un paio.

Tra queste segnalazioni, ad esempio, quelle del Consiglio direttivo e Genitori aderenti alla Rete SupeRare, che ci comunicavano, solo un paio di settimane fa, di cambi degli insegnanti di sostegno assegnati ai figli dopo poche settimane di scuola, da parte dell’ufficio scolastico regionale del Lazio.

Ma molti sono i casi di problematiche, le più varie. Lo conferma anche la FISH - Federazione Italiana per il superamento dell’Handicap - dichiarando di ricevere segnalazioni ripetute da ogni parte del Paese su lacune, violazioni, disagi che impediscono ad alunne ed alunni con disabilità di iniziare l’anno scolastico al pari dei compagni. In alcuni casi - dichiarano dalla FISH - gli stessi dirigenti scolastici inviterebbero le famiglie a trattenere a casa i figli fino a quando la scuola non abbia attivato gli adeguati sostegni e supporti, che devono essere individuati nei PEI, unico strumento per l’inclusione reale.

Per capire dalle famiglie come sta andando questo inizio di anno di scuola, anche per poter avere dei dati su cui confrontarsi a livello politico, col Ministero dell’Istruzione, la FISH ha deciso di rivolgersi ai diretti interessati, ovveroalle famiglie, per farsi un'idea più precisa della situazione, in termini di presenza e di assegnazione delle figure professionali necessarie all'inserimento scolastico delle alunne ed alunni con disabilità.

Per realizzare ciò, la federazione ha lanciato un sondaggio online, anonimo e veloce, che non vuole avere velleità statistiche, ma solo consentire di avere un'idea più precisa della situazione, in termini di presenza e di assegnazione delle figure professionali necessarie all'inserimento scolastico delle alunne ed alunni con disabilità.

L’appello è quindi rivolto a tutte le famiglie, alla compilazione del questionario online che si trova a questa pagina.

Su questo argomento leggi anche:

Scuola, sostegno e disabilità. “Anche quest’anno nessuna continuità per i nostri figli”

Sostegno scolastico, PEI e disabilità. Nasce l’Osservatorio 182 per supportare famiglie e insegnanti

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->