Menu

Tipografia

Il colosso di Mountain View mette in campo due nuove app che faciliteranno la comunicazione delle persone sorde o con disabilità dell’udito

Si stima che nel mondo 466 milioni di persone (più del 5% dell’intera popolazione mondiale) soffra di sordità o problemi d’udito. A partire da questi numeri, Google ha deciso di mettere in campo delle soluzioni che permettano un uso più ampio dei propri strumenti, rispondendo sempre di più all’esigenza di questi utenti.
Sono state quindi annunciate nelle scorse settimane due nuove app che dovrebbero semplificare la comunicazione da parte di persone sorde o con disabilità dell’udito: si tratta di Live Transcribe e Sound Amplifier.

screenshot app trascrizione LIVE TRANSCRIBE - La prima delle app annunciate, basandosi sul cloud di Google e sfruttando la sua tecnologia di riconoscimento vocale, convertirtà in tempo reale la voce in testo sullo schermo dello smartphone. In questo modo si potranno leggere in forma scritta, e mentre si stanno svolgendo, le conversazioni in corso, captate attraverso i microfoni del dispositivo. In pratica, si potrà avere a portata di smartphone una sorta di sottotitolazione delle conversazioni  in tempo reale. Inoltre si potrà partecipare alla discussione digitando direttamente la propria risposta.
 Live Transcribe è già disponibile in una versione beta su Play Store in 70 lingue tra cui l’italiano (la trovate col nome di Trascrizione istantanea), e sarà preinstallato sui dispositivi Pixel 3.

screenshot della app amplificatoreSOUND AMPLIFFIER - La seconda app, Sound Amplifier (in italiano Amplificatore, ndr), ha una funzione differente, ma aiuterà la persona con sordità o ipoacusia a risolvere un problema particolarmente ostico: eliminare i rumori ambientali di sottofondo e amplificare solo ciò che interessa. Sound Amplifier richiederà l’uso di cuffie, attraversole qualoi amplificherà i suoi più vicini e bassi, rendendo più rilevanti e nitidi (ad esempio la voce di chi ci sta parlando), e ridurre invece quelli più rumorosi e lontani.
Questa app è ancora in fase di sviluppo: questa la pagina dedicata su google Play Store.


Potrebbe interessarti anche:

Le novità Facebook, Instagram, Skype, servizi e contenuti più accessibili agli utenti disabili
 
Chat Yourself: l’assistente virtuale per i malati di Alzheimer che li aiuta a ricordare

Speciale app disabili
 

Redazione