Menu

Tipografia

Lo scopo è migliorare le norme e rendere effettivi i diritti delle persone con disabilità, con riguardo all’abitazione e alla mobilità, verificare lo stato dei progetti per l’eliminazione delle barriere nelle città, negli spazi pubblici e negli uffici privati

Avevamo dato conto poco più di un mese fa della nuova “Commissione per l’accessibilità for all”, prevista dal decreto del Ministro delle Infrastrutture, Giovannini e dal Ministro per le Disabilità, Stefani, che è stata istituita con l’obiettivo di favorire l’integrazione sociale delle persone con disabilità e rafforzarne i diritti sul fronte della fruizione dei servizi di mobilità, passando per l’eliminazione di tutte le barriere, sia quelle architettoniche che quelle legate alla comunicazione. Un gruppo, in sostanza, che dovrebbe intervenire sui temi caldi della mobilità delle persone disabili, a partire dal  contrassegno auto disabili alla già annunciata piattaforma unificata per sosta e passaggio in ztl per disabili in tutta italia, passando per il trasporto locale, e non solo.

Ebbene, ieri, 30 marzo, la commissione – il cui nome completo è “Commissione di studio per la resilienza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone disabili”, si è insediata per iniziare i propri lavori volti a fornire analisi, supporto e consulenza su temi che riguardano l’accessibilità dei luoghi pubblici e privati, a partire dall’abitazione, e l’eliminazione di tutte le barriere architettoniche.

A darne notizia è il Ministero per le disabilità, che specifica come tra le tematiche oggetto di studio della Commissione ci siano anche:
- l’implementazione di spazi per il parcheggio gratuito riservati alle persone con disabilità,
- l’offerta di servizi aggiuntivi e la definizione di una policy comune tra Regioni ed Enti locali per garantire pari condizioni di accesso al trasporto pubblico locale
- la verifica dello stato di attuazione della Piattaforma CUDE

Il gruppo è composto da esperti, rappresentanti del Ministro per le Disabilità, del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, dell’Anci e dell’Upi, prevedendo anche un confronto con le federazioni rappresentative delle persone con disabilità.

Redazione

Car photo created by freepik - www.freepik.com

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione