Menu

Tipografia

Nell'ospedale riabilitativo Villa Rosa di Pergine Valsugana nascerà la sede di Trento del Centro Clinico Nemo che potrà fornire servizi a circa 5.000 pazienti

Una nuova importante opportunità di cura per i pazienti affetti da malattie neuromuscolari sta per arrivare nel nord est: si tratta della nuova sede del Centro clinico NeMo che nascerà a Trento nella primavera del 2020.

Il Centro Clinico NeMO è un centro di eccellenza ad alta specializzazione, già presente a Milano, Roma, Messina e Arenzano, per le malattie neuromuscolari, patologie fortemente invalidanti come la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), le distrofie muscolari e l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA), e a Trento verrà attivato all’interno dell'ospedale riabilitativo Villa Rosa di Pergine Valsugana

Il centro si prenderà cura di pazienti neuromuscolari sia adulti che pediatrici per un totale di circa 5.000 persone, offrendo così alle persone con malattie motorie altamente invalidanti residenti nelle regioni dell'area del nord-est d'Italia la possibilità di accedere a strutture sanitarie capaci di prendersi carico di patologie complesse senza affrontare lunghi e faticosi viaggi.

Il progetto è stato presentato il 28 ottobre 2019 in occasione della XX convention scientifica di Fondazione Telethon, che riunisce a Riva del Garda ricercatori nel campo delle malattie genetiche e associazioni di pazienti da tutta Italia.

LA NUOVA SEDE DI TRENTO
Il Centro NeMo di Trento nasce da un accordo di sperimentazione gestionale pubblico privato, ponendo il modello clinico assistenziale di NeMo come punto di riferimento a livello nazionale. All'interno del centro si effettueranno diverse attività che coniugano riabilitazione e miglioramento dell'esperienza clinica e riabilitativa già presente nell’ospedale Villa Rosa. Si passa dalla diagnosi ai trattamenti terapeutici e riabilitativi individuali di fisioterapia (anche respiratoria). Presteranno servizio logopedisti specializzati nei disturbi del linguaggio e della deglutizione, terapeuti che supporteranno i pazienti nel recupero e mantenimento della capacità di eseguire attività di vita quotidiana. In ospedale saranno presenti anche piscine per l'idrochinesiterapia. Il tutto convogliato alla realizzazione di progetti tecnologici per lo sviluppo e il mantenimento dell'autonomia dell'utente nel proprio contesto di vita.

Il centro inoltre presterà servizi di Day Hospital e sarà predisposto per effettuare ricoveri ordinari ad alta specializzazione (per neurologia, pneumologia, medicina fisica riabilitativa e neuropsichiatria infantile) e servizi ambulatoriali. Il centro sarà dotato di 14 posti letto di degenza ordinaria, 4 posti per Day Hospital e ambulatori specialistici.


I PARTNER
Molti i partner che hanno reso possibile la realizzazione del progetto, tra questi: Fondazione Telethon, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM), Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (AISLA Onlus), Associazione Famiglie SMA Onlus, Associazione Slanciamoci e Fondazione Valli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus.

PER INFO:
www.centrocliniconemo.it

Potrebbe interessarti anche:

Malattie neuromuscolari. Avviato nuovo studio internazionale sulla distrofia miotonica di tipo 1

Malattie neuromuscolari: nasce il Centro Clinico NeMo Napoli
 

Redazione