Menu

Tipografia

I tamponi per persone con disabilità intellettiva, autismo, ed in generale non collaboranti, potranno essere prenotati telefonicamente o via whatsapp

Come segnalato dalle famiglie di persone con disabilità, la procedura per il tampone può essere una pratica non solo fastidiosa ma mal tollerata, se non dolorosa e a tratti impossibile, quando viene somministrata a persone con autismo, deficit intellettivi, o comunque non collaboranti. Per venire incontro a questa esigenza, è stato attivato presso il Padiglione Malpighi dell’Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma un servizio tamponi per persone disabili.

UN SERVIZIO DEDICATO
Dalle ore 14 alle ore 19 del lunedì, mercoledì e venerdì, per le persone con disabilità intellettiva, autismo, ed in generale non collaboranti, sarà possibile, previa prenotazione, fare il test per Covid-19 (sia antigenico che molecolare), con ricetta medica de materializzata, presso il Padiglione Malpighi dell’Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini

IL PROGETTO TOBIA
L’importante servizio si inserisce nel più ampio Progetto TOBIA (Team Operativo Bisogni Individuali Assistenziali), che dà alle persone con disabilità intellettiva o relazionale l’opportunità di accedere alle procedure diagnostiche utili e necessarie a prevenire e curare patologie non direttamente legate alla malattia principale da cui sono affette- Il progetto, avviato su iniziativa della Direzione strategica, per la presa in carico di pazienti difficili per i quali i bisogni clinici - assistenziali devono essere affrontati insieme a una adeguata organizzazione, che preveda l’intervento congiunto di diverse specialità e figure professionali, oltre che il progressivo coinvolgimento di associazioni di settore e del volontariato, per l’accompagnamento dei pazienti.
Il progetto TOBIA.

COME ACCEDERE
La segnalazione dei casi al servizio avviene attraverso un “call center” che si occuperà anche delle prenotazioni per i tamponi.
I numeri da chiamare sono: 06/58706099 – 346/2337741.  E’ possibile inviare anche un messaggio WhatsApp (scritto o vocale) cui il team risponde entro le 24 ore successive. Gli operatori del team Tobia si occupano di costruire il percorso di cura personalizzato coinvolgendo i diversi servizi e operatori, e comunicando al paziente o ai famigliari le tappe delle prestazioni e chi sarà il caregiver che si prenderà cura di loro, sarà poi cura dello stesso team acquisire i referti degli esami eseguiti e trasmetterli all’utente

Per approfondire:

Il progetto TOBIA

Per info:

www.scamilloforlanini.rm.it

Potrebbe interessarti anche:

Quali sono le differenze tra tamponi, test rapidi e test sierologici?

Tamponi Coronavirus al drive-in: famiglie chiedono alternative per le persone con disabilità

Redazione

Qui tutti gli aggiornamenti coronavirus su disabili.com

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione