Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia


Non più un ministero dedicato: le deleghe per la disabilità verranno assunte dalla Presidenza del Consiglio


Questa mattina alla Camera dei Deputati il premier Giuseppe Conte ha presentato il programma e tenuto il discorso per ottenere dal Parlamento la fiducia a questo nuovo Governo che si appresta a guidare. Tra i vari punti, nel suo discorso Conte ha precisato che le deleghe sulla disabilità saranno in capo direttamente alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.  

Esattamente una settimana fa, Giuseppe Conte aveva peraltro incontrato le organizzazioni delle persone con disabilità; proprio in quella occasione, la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) dichiarava di ritenere la Presidenza del Consiglio dei Ministri come“l’attore più forte e migliore per assumere quelle competenze istituzionali, ricomporre l’improduttiva frammentazione politica ed amministrativa a cui fino ad oggi abbiamo assistito, attuare sistematicamente la Convenzione ONU, innovare le politiche nel nostro Paese superando l’assistenzialismo e le risposte settoriali, promuovere l’inclusione e garantire il diritto di cittadinanza a tutti”.

Archiviato, quindi, l’esperimento del Ministero per le Disabilità (e la Famiglia), che era stato guidato nel precedente Governo prima da Lorenzo Fontana e nell’ultima parte da Alessandra Locatelli, entrambi in quota Lega.

Conte ha inoltre accennato ai punti su cui, in merito alla disabilità, sarebbe necessario intervenire, indicando la riunificazione della normativa e la messa in campo di politiche per l’inclusione sociale dei cittadini con disabilità tra le priorità. Questo il passaggio del suo intervento:
“(….) Massima attenzione sarà riservata al tema, particolarmente sensibile, della disabilità. Occorre realizzare una razionale riunificazione normativa della disciplina in materia di sostegno alla disabilità e alla non autosufficienza, promuovendo politiche non meramente assistenziali, ma orientate all’inclusione sociale dei cittadini con disabilità e al pieno esercizio di una cittadinanza attiva. Ci tengo a informare quest’Aula che le deleghe sulla disabilità saranno in capo direttamente alla Presidenza del Consiglio. (…)”.

Redazione