Menu

Tipografia

La tessera europea sarà erogata dall’INPS a tutti i cittadini in condizione di disabilità media, grave e di non autosufficienza che la richiederanno

Il 23 dicembre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stabilisce i criteri del rilascio, di produzione e diffusione della Disability Card, la tessera europea che, attestando la condizione di disabilità, consentirà ai suoi possessori di accedere alle agevolazioni (ove previste) senza bisogno di esibire altro tipo di verbali o documentazione.

CHI EROGA LA DISABILITY CARD
La tessera europea della disabilità viene prodotta dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, secondo la normativa che disciplina la produzione delle carte valori e dei documenti di sicurezza, ed è erogata in Italia dall’INPS, su richiesta degli interessati.

TEMPISTICHE E VALIDITA’
La Disability Card potrà essere richiesta dal sito dell’INPS, tramite apposita procedura online, a partire da aprile 2022. La card sarà valida per tutta la permanenza della disabilità anche nel caso in cui vi siano eventuali visite di revisione e comunque non più di 10 anni, al termine dei quali potrà essere nuovamente richiesto il rinnovo. La carta, che non è cedibile ed è personale, cessa la sua validità al decesso del titolare.

CHI PUO' AVERE LA DISABILITY CARD
La card verrà rilasciata a tutti i soggetti in condizione di disabilità media, grave e di non autosufficienza secondo lo schema indicato nell’allegato 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159, che riportiamo qui sotto.

CATEGORIE Disabilità Media Disabilità Grave Non autosufficienza
Invalidi civili di età compresa tra 18 e 65 anni Invalidi 67>99% (D.Lgs. 509/88) Inabili totali (L. 118/71, artt. 2 e 12) Cittadini di età compresa tra 18 e 65 anni con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b)
Invalidi civili minori di età Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età (L. 118/71, art. 2 - diritto all’indennità di frequenza) Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età e in cui ricorrano le condizioni di cui alla L. 449/1997, art. 8 o della L. 388/2000, art. 30 Minori di età con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1)
Invalidi civili minori di età Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età (L. 118/71, art. 2 - diritto all’indennità di frequenza) Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età e in cui ricorrano le condizioni di cui alla L. 449/1997, art. 8 o della L. 388/2000, art. 30 Minori di età con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1)
 Invalidi civili ultrasessantacinquenni Ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, invalidi 67>99%(D. Lgs. 124/98, art. 5, comma 7) Ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, inabili 100% (D.Lgs. 124/98, art. 5, comma 7) Cittadini ultrasessantacinquenni con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b)
 Ciechi civili Art 4 L.138/2001 Ciechi civili parziali (L. 382/70 - L. 508/88 – L. 138/2001) Ciechi civili assoluti (L. 382/70 - L. 508/88 – L. 138/2001)
 Sordi civili Invalidi Civili con cofosi esclusi dalla fornitura protesica (DM 27/8/1999, n. 332) Sordi pre-linguali, di cui all’art. 50 L. 342/2000  
INPS Invalidi (L. 222/84, artt. 1 e 6 - D.Lgs. 503/92, art. 1, comma 8) Inabili (L. 222/84, artt. 2, 6 e 8) Inabili con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa (L. 222/84, art. 5)
INAIL Invalidi sul lavoro 50>79% (DPR 1124/65, art. 66 )Invalidi sul lavoro 35>59 % (D.Lgs 38/2000, art.13 – DM 12/7/2000 – L. 296/2006, art 1, comma 782) Invalidi sul lavoro 80>100% (DPR 1124/65,art. 66)Invalidi sul lavoro >59% (D.Lgs 38/2000, art. 13 – DM 12/7/2000 - L. 296/2006, art 1, comma 782) Invalidi sul lavoro con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa (DPR 1124/65 – art. 66)Invalidi sul lavoro con menomazioni dell’integrità psicofisica di cui alla L.296/2006, art 1, comma 782, punto 4)
INPS gestione ex INPDAP Inabili alle mansioni (L. 379/55, DPR 73/92 e DPR 171/2011) Inabili (L. 274/1991, art. 13 - L. 335/95, art. 2)  
Trattamenti di privilegio ordinari e di guerra Invalidi con minorazioni globalmente ascritte alla terza ed alla seconda categoria Tab. A DPR 834/81 (71>80%) Invalidi con minorazioni globalmente ascritte alla prima categoria Tab. A DPR 834/81 (81>100%) Invalidi con diritto all’assegno di superinvalidità (Tabella E allegata al DPR 834/81)
 Handicap    Art 3 comma 3 L.104/92

 

 

MINORI E DISABILITY CARD
Saranno i genitori, gli affidatari o coloro che ne svolgono la funzione di tutori, a richiedere la card in caso di minori con disabilità.

COME AVERE LA DISABILITY CARD
Il processo di rilascio della card passa per tre step: inserimento della domanda da parte del richiedente, verifica dei requisiti da parte dell’INPS, erogazione della tessera stampata dall’Istituto Poligrafico:
1. L’INPS provvederà a predisporre un modulo online a disposizione dei cittadini che vorranno presentare domanda di rilascio della Disability Card sul proprio portale. Ai richiedenti verrà chiesto, allegando anche una fototessera, di indicare i propri dati, ovvero:
   a) nome e cognome;
   b) codice fiscale;
   c) domicilio digitale della persona con disabilità o quello del suo tutore, curatore, procuratore o di altro rappresentante previsto dalla legge;
   d) indirizzo di residenza;
   e) indirizzo di spedizione;
   f) numero di telefono fisso o cellulare.
Per i richiedenti residenti nella Regione autonoma della Valle d'Aosta o nelle Province autonome di Trento e Bolzano, alla domanda telematica deve essere   allegata idonea certificazione attestante la condizione di disabilità.
2. Successivamente, l’Istituto stesso verificherà la corrispondenza delle informazioni rese dal richiedente confrontandole con quelle presenti nei propri archivi (o in quelli dell’INAIL, per gli invalidi da lavoro).
3. Se la verifica dei requisiti darà esito positivo, l’INPS affida all'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato il mandato di produzione della Carta, che verrà poi recapitata al richiedente entro 60 giorni dalla presentazione della domanda.

COSA CI SARÀ SCRITTO
Sul lato anteriore della Carta sarà presente un'apposita indicazione nei casi in cui il richiedente abbia bisogno di accompagnatore o di maggiore intensità di sostegno rientrante nelle seguenti categorie:
   a) le categorie della non autosufficienza di cui all'allegato 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159;
   b) i titolari di indennità speciale di cui all'art. 3 della legge 21 novembre 1988, n. 508;
   c) i titolari di indennità di comunicazione di cui all'art. 4 della legge 21 novembre 1988, n. 508;
   d) gli invalidi minorenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell'età ai sensi dell'art. 2, comma 2, della legge 30 marzo 1971, n. 118.
Dall’altro lato della carta, dove troviamo la bandiera italiana, è presente un QR Code che consente la verifica della validità e delle informazioni contenute nella tessera.

VERIFICHE, AGGIORNAMENTI E REVOCHE DELLA CARTA
Anche dopo l’erogazione della Carta, L'INPS potrà verificare la sussistenza dei requisiti necessari: nel caso in cui riscontrasse la non veridicità delle dichiarazioni rese dai titolari o nel caso in cui i requisiti venissero meno, potrà revocare la Carta ai possessori.
Nel caso di nuovo accertamento da parte del titolare, cui venisse riconosciuto l’aggravamento che richiede accompagnatore o maggiore sostegno, l’INPS sostituirà la tessera con una aggiornata.

AGEVOLAZIONI
La Carta consente al suo titolare, tramite la sua sola esibizione, l'accesso agevolato a beni e/o servizi sulla base di accordi o convenzioni tra l'Ufficio per le politiche a favore delle persone con disabilità della Presidenza del Consiglio dei ministri e soggetti pubblici o privati: le agevolazioni verranno indicate nel sito https://disabilita.governo.it/it/

Per approfondire:
http://www.disabilitycard.it/index.php?lang=it

DPCM 23 dicembre 2021

In disabilicom:

Disability Card. Dal 2022 quasi 4 milioni di italiani potranno richiedere la tessera per agevolazioni disabili

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy