Menu

Tipografia

5 per mille: a chi devolverlo? Qui il CF degli enti accreditati al 2019 per sostenere attività di interesse sociale e collettivo

In fase di dichiarazione dei redditi abbiamo un importante strumento, in quanto contribuenti, per sostenere chi si occupa di attività di interesse collettivo.

NESSUN ONERE PER IL CONTIBUENTE
- Si tratta dello strumento del 5 per mille, che non rappresenta un costo per il contribuente, essendo invece un onere per lo Stato, che vincola parte del gettito dell’IRPEF a finalità scelte dal contribuente.
In pratica, lo Stato devolve il 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche a enti, scelti dal contribuente stesso, che si occupano di attività di interesse sociale.

PER QUALI ATTIVITA’ - Gli enti ai quali si può scegliere di devolvere il proprio 5 per mille si occupano di volontariato, ricerca scientifica o sanitaria, attività sociali dello stesso Comune, sport, tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici.

GLI ELENCHI DEGLI ENTI -
Per conoscere tutti gli enti accreditati, il sito dell’Agenzia delle Entrate aggiorna ogni anno l’elenco permanente, completo.
Qui vi riportiamo inoltre gli elenchi pubblicati dall’Agenzia delle Entrate (in formato pdf) degli enti “nuovi” che hanno richiesto, ottenendolo, l’accesso al beneficio del  5 per mille per il 2019 (anno d’imposta 2018). Gli elenchi sono aggiornati al 14 maggio 2019, li trovate suddivisi per:

1. gli enti del Volontariato 

2. gli enti della ricerca scientifica e dell’Università 

3. gli enti della Ricerca Sanitaria
 
4. le associazioni sportive dilettantistiche, che svolgono una rilevante attività di carattere sociale
 

ALTRI BENEFICIARI - I contribuenti possono decidere di devolvere il proprio 5 per mille anche al Comune di residenza, per sostenere le attività di carattere sociale svolte.
Per quanto riguarda le attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici, gli enti sono presenti in questo elenco  e questo elenco
Una versione aggiornata degli elenchi degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche, corretta da eventuali errori anagrafici, verrà pubblicata entro il 25 maggio 2019.

COME INDICARE IL BENEFICIARIO IN DICHARAZIONE – Negli elenchi emessi dall’Agenzia delle Entrate vengono riportati Denominazione, indirizzo e codice fiscale: è infatti attraverso quest’ultimo che il contribuente esprime, nei modelli 730, CU o Unico, la sua preferenza per il 5 per mille.


Redazione