Menu

Tipografia

Un accordo tra la Onlus Blindsight Project e AILA offre supporto legale grazie al nuovo progetto CANE GUIDA

Rinuncereste a camminare ad occhi aperti perchè a qualcuno dà fastidio il vostro sguardo? È questo il principio alla base della campagna di sensibilizzazione sul cane guida, che da anni l’associazione Blindsight Project porta avanti. Campagna che ora si arricchisce di uno strumento in più, andando oltre l’informazione, verso una concreta tutela di questo diritto.

E’ stato infatti stipulato tra Blindsight Project e AILA - Associazione Italiana Lotta agli Abusi un accordo grazie al quale sarà fornito supporto legale per i casi di discriminazione subiti da persone con cane guida.  L’assistenza legale, che sarà  fornita esclusivamente per casi che interessano il cane guida, è un ulteriore strumento del servizio 008 di Blindsight,attivato dalla Onlus per segnalare casi di discriminazione ai danni di persone con disabilità. Ricordiamo che 008 di Blindsight  è una app compatibile con i maggiori sistemi operativi degli smartphone, che ci permette di inviare immediatamente una segnalazione al team di Blindsight: si può segnalare attraverso video, foto e testo qualsiasi tipo di difficoltà come l'impossibilità a superare una barriera architettonica, una discriminazione o un abuso. Dopo la selezione di Blindsight le denunce verranno tempestivamente inoltrate alle forze dell'ordine.  Nello specifico, se qualcuno riscontra qualsiasi illegittimità riguardo l'accompagnamento del cane guida, consigliamo di segnalare l'illegalità attraverso questa app.  Da oggi, la persona lesa nel suo diritto di avere con sé il cane guida che volesse procedere legalmente, potrà quindi contare su questo nuovo strumento.  


LA GUIDA SUL CANE GUIDAMa cosa ci sarà poi da sapere sul cane guida? Potrebbe pensare qualcuno. In realtà su questo importantissimo ausilio per chi non vede c’è parecchia ignoranza: esempi anche recenti che hanno giustamente fatto scalpore ce lo confermano . È dunque di grande importanza la diffusione e la difesa della legge n.37/74 (aggiornata dalla Legge 60/06), al fine di tutelare le persone con disabilità visiva in uno dei loro strumenti principe di autonomia. Anche per questo, Blindsight ha realizzato negli anni scorsi una utile guida gratuita (in italiano e inglese), della quale riportiamo alcuni punti fondamentali, e che invitiamo tutti a scaricare e far girare.

SANZIONI E BUONE PRATICHE – Tra le cose da sapere:
- Distrarre, intralciare il lavoro del cane guida è privare la persona non vedente dei suoi “occhi”: in sostanza, come se ci mettessero delle mani davanti agli occhi quando stiamo camminando. Quindi è sconsigliato accarezzare il cane e dargli da mangiare, ma anche toccare la persona non vedente senza prima annunciarsi (il cane guida potrebbe prenderla come minaccia) mentre l’animale si trova in modalità “lavoro”, ovvero indossa l’apposita imbragatura, detta guida).
-   Il cane guida può camminare ovunque senza limitazione e deve usufruire dell’ingresso GRATUITO. Può accedere anche dove i cani normalmente non sono ammessi (es.: taxi, trasporti pubblici, ambulanze, esercizi commerciali, ospedali, chiese, hotel, scuole, ecc.). La trasgressione di tale legge comporta una sanzione da €500 a €2.500, e non va esclusa l’eventuale denuncia da parte della persona disabile per discriminazione (Ex L.67/2006).


La guida è disponibile qui

Per saperne di più:  

Blindsight e cane guida


In disabili.com

Il cane guida: "Io entro ovunque per legge!"

App disabili

 

Federica Scaramuzzi