t>

Menù

auto noleggi adattamenti veicoli trasporto disabili
sponde letto per disabili
casa accessibilie
ascensori per disabili

Typografia


La società telefonica aveva impugnato la delibera AGCOM che impone tariffe agevolate per utenti sordi e ciechi

L’ENS (Ente Nazionale Sordi) fa sapere che è stato rigettato il ricorso presentato al TAR del Lazio da parte della società telefonica Fastweb S.p.A, che aveva impugnato (chiedendone l'annullamento) la delibera AGCOM n. 46/17/CONS che dispone di prevedere particolari tariffe agevolate per disabili sensoriali per i servizi di internet e telefonia per gli utenti sordi, ciechi e ciechi parziali (ne parlavamo qui).

La delibera, che fissava "misure specifiche e disposizioni in materia di condizioni economiche riservate a particolari categorie di clientela per i servizi di comunicazione elettronica da postazione fissa e mobile", aggiornava la precedente delibera n.514/07/CONS.
La nuova delibera AGCOM n. 46/17/CONS prevede, sintetizzando:
- esenzione dal pagamento del canone di accesso alla rete telefonica per gli utenti residenziali sordi, con finanziamento del relativo costo a carico del servizio universale (art. 3 della delibera n. 46/17/CONS);

- con riguardo ai servizi “voce” e “dati” da postazione fissa, per tutti gli operatori telefonici, a favore di tutti gli utenti sordi, ciechi totali o ciechi parziali: sconto del 50% del canone mensile proposto per le offerte “flat” e “semiflat” praticate sul mercato per servizi “voce” più internet o solo per il servizio internet, oppure fruizione di almeno 180 ore di navigazione gratuita in caso di offerte di accesso internet a consumo; gratuità del cambio del piano tariffario, salvi i casi di richieste reiterate e immotivate;

- con riguardo ai servizi dati e voce da postazione mobile resi da operatori MNO (acronimo di “mobile network operators”), i quali godono del diritto di uso di una frequenza:

a) per gli utenti sordi: almeno 20 GB mensili di traffico dati e almeno 50 sms gratuiti al giorno, per un costo che non deve superare il 50% del miglior prezzo applicato dall’operatore ai propri clienti per analoghe offerte; prezzo di ciascun altro servizio non superiore al miglior prezzo applicato dall’operatore all’utenza;

b) per utenti ciechi totali o parziali: almeno 2.000 minuti di traffico voce gratuito da consumare nell’arco di un mese e almeno 10 GB di traffico dati, da consumare nel periodo di riferimento dell’offerta, il cui costo non deve superare il 50% del miglior prezzo applicato per analoghe offerte; prezzo di ciascun altro servizio non superiore al miglior prezzo praticato alla propria clientela;

- per i servizi resi da operatori mobili virtuali (c.d MVNO), che fruiscono cioè dei servizi resi dagli operatori infrastrutturati:

a) per gli utenti sordi: sconto del 50% sull’offerta caratterizzata dal massimo “plafond” di GB e invio di almeno 50 sms gratuiti al giorno; applicazione del miglior prezzo praticato all’utenza per ogni altro servizio; b) per utenti ciechi analogo sconto del 50% e almeno 2.000 minuti di traffico voce gratuito;

b) applicazione del miglior prezzo praticato all’utenza per ogni altro servizio;
per tutte le offerte di telefonia fissa comprensive dei servizi internet una riduzione del 50% del canone mensile, e un’offerta specifica per la telefonia mobile caratterizzata da un congruo volume di traffico dati ad un prezzo abbordabile, che non superi il 50% del miglior prezzo praticato dall’operatore per tutte le offerte vigenti a parità di volume di traffico dati.

Beneficiari delle tariffe agevolate, dicevamo, utenti sordi, ciechi totali e ciechi parziali.

A fronte del ricorso al TAR da parte della compagnia Fastweb, l’ENS si era costituito in giudizio con gli Avvocati Liliana Curtilli e Simona Censi difendendo la bontà della delibera e la necessità per le persone sorde di accedere ai servizi di telefonia a tariffe agevolate. Con sentenza n. N. 04746/2018 pubblicata il 30 aprile il ricorso di Fatsweb è stato rigettato dal TAR e dunque la delibera AGCOM n. 46/17/CONS resta valida, rende noto l’ENS.


Per approfondire:

Il testo della delibera AGCOM n. 46/17/CONS

Il testo della sentenza del Tar del Lazio


Sullo stesso argomento:

Tutte le nuove tariffe agevolate cellulare e internet per utenti ciechi e sordi


Redazione