Menu

Tipografia

Spunti, riflessioni e il percorso formativo più adatto a chi vuole intraprendere un impiego dedicato all’inclusione lavorativa

Superato il lockdown e, ce lo auguriamo, la fase più calda dell’emergenza Coronavirus, stiamo leggendo di incentivi al telelavoro e nuove modalità di comportamento per chi, invece, rientra in azienda. Linee guida non esattamente adatte a tutti e spesso decisamente generiche quando si tratta di tutelare le categorie più fragili.

Le realtà in cui tutto questo è, o potrà essere, gestito la meglio sono quelle con una solida politica di diversity management, di cui vi avevamo parlato diffusamente all’interno del nostro speciale disability management.

Per restare sempre aggiornati sul tema è uscito nei giorni scorsi l'e-book gratuito "Manifesto del disability manager", curato dalla SIDIMA-Società Italiana Disability Manager e pubblicato dalla casa editrice padovana "Il prato", un documento che ha l’obiettivo di rendere manifesta la connotazione del disability manager, tenendo anche conto di un quadro normativo di riferimento su tale figura, che risulta ancora disomogeneo e frammentario.

Il volume, inoltre, fornisce indicazioni sul percorso formativo specifico per una reale efficacia inclusiva delle politiche e delle iniziative rivolte alle persone con disabilità, oltre a suggerire alcune integrazioni al quadro normativo di riferimento e proporre nuovi ambiti di sviluppo nei quali la figura del disability manager potrà mettere in atto le proprie competenze.

“La volontà di presentare questo nostro documento nell’attuale momento storico del Paese – ha spiegato Rodolfo Dalla Mora, presidente della SIDIMA e tra i curatori della pubblicazione insieme a Palma Marino Aimonedove le conseguenze sanitarie, economiche e sociali dell’emergenza coronavirus coinvolgono ciascuno di noi, nasce innanzitutto dalla considerazione che le persone con disabilità sono maggiormente esposte, sia ai rischi sanitari derivanti dall’epidemia che alle conseguenti ricadute sociali. Sono certo infatti che i disability manager attualmente inseriti nei diversi contesti, quali i Comuni, le aziende, le strutture sanitarie e la Pubblica Amministrazione, possiedano le necessarie capacità per gestire non soltanto l’emergenza sanitaria, ma anche il difficile bilanciamento tra la tutela dei diritti delle persone con disabilità e la loro inclusione nella vita lavorativa e sociale”.

Il documento rappresenta per SIDIMA un punto di partenza utile a stimolare confronti e riflessioni in quanti credono nella necessità di avere oggi professionisti della disabilità per un futuro inclusivo.

Il Manifesto del disability manager è scaricabile a questo link.

Per informazioni:
https://www.sidima.it/
info.sidima@gmail.com

Ti potrebbe interessare anche:

Speciale Diversity Management

Diversity e disability management: a che punto siamo in Italia?

Alessandra Babetto

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione