Menu

Tipografia

Nel decreto ministeriale n. 173 del 2021, il Ministero del Lavoro comunica l’importo rivalutato dal 1° luglio 2021. Vediamo anche come richiedere l’assegno di incollocabilità

Nel DM del Ministero del Lavoro n.173 del 1 settembre 2021 vengono resi noti gli importi per il 2021 dell’assegno di incollocabilità, che consiste in una prestazione economica erogata agli invalidi per infortunio o per malattia professionale, che non possano fruire dell’assunzione obbligatoria (art. 180 DPR 1124/65; art. 10 L. 248/76; art. 1, c. 782, L. 296/2006).

COS’E’ L’ASSEGNO DI INCOLLOCABILITA’ - L’importo dell’assegno viene pagato mensilmente insieme alla rendita. Ogni anno l’importo viene rivalutato sulla base della variazione effettiva dei prezzi al consumo, con apposito decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Dal 1° luglio 2021  l’importo è pari a 263,37 euro: la cifra è rimasta invariata rispetto al 2020.

REQUISITI – Per poter accedere a questa erogazione, la persona invalida deve essere in possesso dei seguenti requisiti:
- età non superiore ai 65 anni
- grado di inabilità non inferiore al 34%, riconosciuto dall'Inail secondo le tabelle allegate al Testo Unico (d.p.r. 1124/1965) per infortuni sul lavoro verificatesi o malattie professionali denunciate fino al 31 dicembre 2006
- grado di menomazione dell'integrità psicofisica/danno biologico superiore al 20%, riconosciuto secondo le tabelle di cui al d.m. 12 luglio 2000 per gli infortuni verificatisi e per le malattie professionali denunciate a decorrere dal 1° gennaio 2007.

COME FARE DOMANDA - Per avere diritto all’assegno, il lavoratore deve fare domanda alla sede Inail d’appartenenza, e può farsi assistere da un patronato. .
La domanda deve contenere i dati anagrafici, la descrizione dell’invalidità (lavorativa ed extralavorativa, se esistente) e la fotocopia del documento di identità.
In caso di invalidità extralavorativa, dovrà essere presentata la relativa certificazione.

La richiesta va inoltrata presso la Sede competente in base al suo domicilio o tramite:
- sportello della Sede competente
- posta ordinaria
- Pec (posta elettronica certificata).

L’assegno può essere riconosciuto anche su espresso parere del medico Inail al momento dell’accertamento del danno permanente.

Per approfondire:

Decreto Ministeriale n.173 del 1 settembre 2021

Sito INAIL 

Potrebbe interessarti anche:

Ecco le nuove tabelle con indennizzi INAIL per danno biologico con invalidità dal 6 al 16%

Assegno di disoccupazione, assegno di invalidità e pensione anticipata sono compatibili? I chiarimenti dell’INPS

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy