Menu

Tipografia

Su Twitter la denuncia di una donna ha scatenato tante condivisioni e racconti di episodi da parte di altre persone con disabilità

Sta girando molto in questi giorni, producendo una valanga di ulteriori racconti di altrettanti episodi analoghi, il tweet di Bronwyn Berg, una donna inglese disabile che ha raccontato un episodio che l’ha vista protagonista con la sua carrozzina.

Nel tweet la donna racconta di come uno sconosciuto abbia preso il controllo della sua sedia a rotelle, iniziando a spingerla contro la sua volontà e di come, nonostante chiedesse aiuto gridando “No! No! La smetta!”, nessuno dei passanti sia intervenuto in suo aiuto.  Era come se la gente desse per scontato che lei, in quanto seduta su una carrozzina, avesse bisogno di aiuto. Del tutto ignorato il fatto che su quella carrozzina ci fosse una persona che quell’aiuto non lo gradiva, non ne aveva bisogno, e non lo voleva.



Il racconto di questa storia ha ottenuto 65.000 Mi piace e 20.000 retweet, ma ha soprattutto spinto molte persone a raccontare esperienze analoghe.  

C’è chi ha raccontato: “Non ho le maniglie nella carrozzina, eppure c’è chi cerca di spingermi…ma la cosa non mi aiuta!”

Una ragazza ha twittato: “L’unica volta che mi è successo, un tipo è spuntato da dietro di me e ha iniziato a spingermi mentre stavo guardando delle cose in un negozio. Non lo farà mai più!”

Carrie-Ann Lightley, una donna che gestisce un blog di turismo accessibile, racconta nel suo tweet: “Succede molto a Euston Station. Mi spingo su per la lunga rampa dalle piattaforme quando l'assistenza è in ritardo. Potrebbe “sembrare” che io sia in difficoltà ma è proprio così che spingo! Le persone si limitano ad afferrare le maniglie senza chiedere o parlarmi”.



In risposta a questo specifico tweet  non è mancato anche chi, non disabile, ha fatto notare che non è sempre facile capire quando un aiuto è richiesto o dovuto, in determinate situazioni: “Quindi vuoi che ti ignoriamo quando lotti su per una collina ma che non ti ignoriamo quando hai bisogno di aiuto? E dobbiamo stare attenti a non aiutarti nel momento sbagliato, altrimenti sembriamo cattivi….”
La risposta di una utente è stata: Basta chiedere semplicemente 'hai bisogno di aiuto?' E’ spaventoso per me  trovarmi all'improvviso in movimento senza alcuna idea di chi mi stia spingendo. Immagina un estraneo che ti prenda e ti trasporti senza preavviso, come ti sentiresti?”

Tutti questi casi dimostrano come, ancora, l’immagine della persona in carrozzina sia associata a persona in difficoltà, sempre e comunque. Ancora una volta, dunque, è la cultura della disabilità a mancare, anche se un pizzico di buon senso, unito a un ritorno al contatto umano che ci faccia semplicemente chiedere “serve aiuto?”,  rimane l’abc da non dimenticare mai.


Potrebbe interessarti anche:

La mia storia di disabile solare, perchè io non sono la mia disabilità

Barriere architettoniche: vita su quattro ruote e tutti gli ostacoli “minori”


Redazione

 

Foto da: Pixabay