Menù

CATALOGO ALL MOBILITY
wc disabili
stannah montascale per disabili
giochi bambini disabili

Typografia

Il crowdfunding terminerà all'inizio di marzo, l'obiettivo è quello di raccogliere 20.000 euro

Village for All, il più conosciuto network nazionale sul turismo accessibile, si è fratto promotore di una lodevole iniziativa di crowdfunding per la realizzazione di un cortometraggio dal titolo Axioma, dedicato al tema della disabilità in un senso incredibilmente più ampio di quello con cui siamo abituati ad avere a che fare.

Il titolo scelto richiama il concetto di assioma come postulato che non ha bisogno di essere dimostrato, viene dato per assunto e per scontato. Assiomi sono in questo caso il passato del protagonista e l'incidente che gli ha impedito di camminare ed il cortometraggio parte dal presupposto che ognuno in questo mondo ed a suo modo è toccato dalla disabilità. La storia si dipanerà poi fra un complicato intreccio di sottili fili dove il protagonista si sentirà un peso per la società, la famiglia e addirittura se stesso dimostrando però, durante lo svolgimento, che a ciascun individuo è concessa l’opportunità della rinascita! Tutto ciò avverrà dopo un periodo di autoreclusione reso tollerabile unicamente da un personaggio a lui caro che affiancandolo si rivelerà di fondamentale importanza.

Vogliamo dedicare questo film - spiega il video anteprima del film - a tutte le persone che vivono condizioni di presunta inferiorità, siano esse derivanti da difficoltà fisiche o psicologiche che indotte dall’altrui egoismo, cattiveria od ignoranza perché la disabilità è qualche cosa di molto più complesso rispetto a quanto il nostro tessuto culturale ci abbia trasmesso e probabilmente non esiste persona, in questo mondo, che non ne sia stata toccata.


Vogliamo dar voce - spiega ancora lo spot - non solo a coloro che devono accettare un problema fisico o psichico ma anche agli emarginati, a chi ha subito violenza o atti di bullismo, a chi ogni giorno combatte contro un nemico invisibile che si annida nell’inconscio, a chi si deve difendere dagli oltraggi, dalle offese o dalle percosse, a chi alza un muro per non vedere intorno a sé ed a chi urla nel silenzio senza che nessuno ascolti il suo grido di dolore. - E ancora - Vogliamo infrangere la barriera del pregiudizio e confinare in una stanza senza porte e finestre un sempre più inutile buonismo per sostituirlo con la coerenza di pensiero ed azione così da poter piantare il seme dell’uguaglianza e ricercare nei valori dell’amicizia ed amore un percorso sostenibile per ciascuno di noi.
Vogliamo farlo senza cadere nella trappola del conformismo per cui abbiamo deciso di far realizzare questo film ai giovani, prima che la mostruosa macchina che noi stessi abbiamo creato li confini nel limbo dell’immobilità, distrugga definitivamente il loro talento e li renda in qualche modo disabili perché, anche dietro la maschera che li abbiamo costretti ad indossare, noi intravediamo il genio e le enormi potenzialità dei messaggi e delle azioni che la loro generazione può regalare al mondo.

"Consapevoli del fatto che - ha spiegato Roberto Vitali, presidente V4A - proprio il nostro retaggio culturale ed una serie di luoghi comuni acquisiti nel tempo, distorcono la nostra percezione della disabilità, abbiamo deciso di affidare questa tematica ad un gruppo di giovani filmmakers affinché, con la loro visione non viziata dal pregiudizio, raccontino una verità talmente evidente da risultare invisibile".
"Il management di Village for All - continua Vitali - si aspetta quindi un approccio differente, che aiuterà tutti noi a comprendere meglio l’assioma che sta alla base di questo progetto. Tutti, ma proprio tutti, nella loro vita hanno avuto o avranno a che fare con la disabilità ed è necessario per questo costruire una cultura più ampia e condivisa, meno concentrata sul sensazionalismo o sull’inutile buonismo, ma più attenta alle persone e ai loro bisogni".

I soldi raccolti da Village for All, infatti, verranno utilizzati per coprire i costi di pre-produzione, produzione, post-produzione e distribuzione che saranno affidati ad una troupe di giovanissimi artisti, che si sono già distinti nel panorama cinematografico per il loro talento.


Per informazioni:
Notizie su Axioma
Pagina crowdfunding Axioma

In disabili.com:
Al cinema la storia di Owen Susskind, il bambino autistico che parlava attraverso i film Disney
Bullismo e cyberbullismo, la prepotenza che colpisce le fragilità
 

Alessandra Babetto