Menu

Tipografia


Si parla e si sente spesso parlare del Progetto di vita, nonché di Progetto individuale e della loro importanza: di cosa si tratta?

La L. n. 328/00, Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, prevede che per ottenere piena integrazione scolastica, lavorativa, sociale e familiare della persona con disabilità, venga predisposto un progetto individuale per ogni singola persona con disabilità fisica, psichica e/o sensoriale, stabilizzata o progressiva. La sua finalità è creare percorsi personalizzati in cui gli eterogenei interventi siano coordinati in maniera mirata, al fine di rispondere adeguatamente ai bisogni ed alle aspirazioni del beneficiario.

All’art. 14 della legge 328 si specifica che per realizzare la piena integrazione delle persone disabili di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nell'ambito della vita familiare e sociale, nonché nei percorsi dell'istruzione scolastica o professionale e del lavoro, i comuni, d'intesa con le aziende unità sanitarie locali, predispongono, su   richiesta dell'interessato, un progetto individuale… Il progetto individuale comprende, oltre alla valutazione diagnostico-funzionale, le prestazioni di cura e di riabilitazione a carico del Servizio sanitario nazionale, i servizi alla persona a cui provvede il comune in forma diretta o accreditata, con particolare riferimento al recupero e all'integrazione sociale, nonché le misure economiche necessarie per il superamento di condizioni di povertà, emarginazione ed esclusione sociale. Nel progetto individuale sono definiti le potenzialità e gli eventuali sostegni per il nucleo familiare.

Il Progetto Individuale
Il Comune d’intesa con la A.S.L, deve predisporre un Progetto Individuale, indicando i vari interventi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali di cui necessita la persona con disabilità, nonché le modalità di una loro interazione. Si tratta di un approccio che guarda alla persona con disabilità non come ad un utente di diversi servizi, ma come ad una persona con le sue esigenze, i suoi interessi e le sue potenzialità. Si tratta perciò di un progetto che si articola nel tempo ed ha la finalità di creare le condizioni affinché i servizi e gli interventi si possano realmente attuare e concretizzare in piena sinergia.

Tale progetto si inquadra come diritto soggettivo esigibile e può essere identificato come strumento per l’esercizio del diritto alla vita indipendente ed all’inclusione nella comunità per tutte le persone con disabilità, come previsto anche Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Più recentemente tutto ciò è stato ulteriormente ribadito dalla L. n. 112/16, che individua il progetto individuale quale punto di partenza per l’attivazione dei percorsi in essa previsti. In essa si specifica che il Progetto individuale di cui all'articolo 14, comma 2, della legge 8 novembre 2000, n. 328, è redatto dal competente Ente locale sulla base del Profilo di funzionamento, su richiesta e con la collaborazione dei genitori o di chi ne esercita la responsabilità. Le prestazioni, i servizi e le misure di cui al Progetto individuale sono definite anche in collaborazione con le istituzioni scolastiche.

Tale documento non è dunque automatico, ma va appositamente richiesto dalle famiglie. La sua redazione poi verrà effettuata con la partecipazione dell’istituzione scolastica coinvolta, la quale certamente ha un ruolo significativo, data la sua centralità nella predisposizione ed attuazione del PEI, parte integrante di un percorso progettuale che deve procedere in direzione delle massime autonomie possibili.

Il Progetto di vita
Il Progetto di vita, invece, non è un documento da predisporre, ma si riferisce piuttosto all’idea che gli apprendimenti siano funzionali all’autonomia e alla vita futura. Come sottolinea il Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno (CIIS), infatti, il Progetto di Vita non è un documento a sé, bensì l'impostazione che, attraverso la pianificazione degli interventi coordinati e concordati fra le diverse agenzie (famiglia, scuola, sociale, sanitaria), dà vita ad azioni volte alla formazione globale dell'alunno con disabilità. Per questo è importante che fra le Agenzie vi sia un dialogo aperto e un'attiva collaborazione.  Si potrebbe allora affermare che il Progetto di Vita è la finalità di un lavoro sinergico e coeso.  Di fatto è ciò verso cui si tende, al fine di garantire e promuovere nella persona con disabilità capacità, conoscenze, abilità e, in una parola, competenze utili per una Vita di Qualità…


APPROFONDIMENTI

Progetto individuale e progetto di vita

In disabili.com

Progetti di vita indipendente

Tina Naccarato

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione