Menu

Tipografia

centri estivi disabili: disegnao di bambini Le scuole finiscono, e per molti genitori si pone il non facile problema di trovare attività estive adatte e aperte a ragazzi  e bambini con disabilità o disturbi di apprendimento

Le scuole stanno finalmente chiudendo i battenti, e i ragazzi sono liberi dall'incombenza scolastica. Si apre a questo punto la non facile questione, per i genitori, del come occupare i piccoli. Questione che si può rendere più complessa nel caso di bambini o ragazzi con deficit, problemi o disabilità.

Non sempre, infatti, i cosiddetti "centri estivi" gestiti dai comuni o dalle parrocchie sono attrezzati per accogliere anche bambini o ragazzi con problemi e/o bisogni particolari, e talvolta è necessario cercare soluzioni ad hoc, che vengono però proposte a macchia di leopardo. Senza nessuna pretesa di dare una panoramica esaustiva - cosa che sarebbe davvero  impossibile - segnaliamo qui un paio di soluzioni che ci sembrano interessanti, che si aggiungono alle proposte di singole cooperative o strutture che propongono per l'estate varie iniziative a livello locale.

CAMPUS PER RAGAZZI DISLESSICI - Una interessante iniziativa dedicata a ragazzi con dislessia è quella dei campus estivi organizzati dall'AID (Associazione Italiana Dislessia), in collaborazione con il Centro FARE, centro specialistico per l'apprendimento di Perugia, struttura accreditata presso la Regione Umbria e il Servizio Sanitario Nazionale. Si tratta di sei giornate nelle quali i ragazzi e i bambini con difficoltà di apprendimento avranno modo di divertirsi  ma anche, attraverso attività guidate, cimentarsi con strumenti compensativi e tecniche alternative di studio.

I  campus sono di tipo residenziale, consentendo ai ragazzi di trascorrere una settimana tra coetanei in un contesto ludico, nel cuore della campagna umbra; un luogo che stimola e favorisce la vita all'aria aperta e consente la serenità necessaria per l'apprendimento. I ragazzi, divisi per fascia d'età e competenze, partecipando ai laboratori informatici sperimenteranno un senso di autoefficacia che permetterà alle strategie acquisite di configurarsi come un potente alleato ed una preziosa risorsa per aumentare la motivazione e la fiducia in sé. Il tutto con l'obiettivo di acquisire una maggiore autonomia nello studio.

Destinatari dell'iniziativa sono ragazze e ragazzi dagli 11 ai 19 anni, distribuiti in due sessioni, divise in senior e junior: dal 29 giugno al 5 luglio e dal 31 agosto al 6 settembre 2014. I partecipanti saranno ospitati presso Villa Taticchi, una residenza di origine medievale immersa nel verde e nella quiete dalla campagna umbra, a Ponte Pattoli (Perugia).
Per info: 075 44317 - formazione@centrofare.it


ARTE E CREATIVITA' PER PICOLI CON SPETTRO AUTISTICO - Di altro tenore è invece una iniziativa, alla sua prima edizione, rivolta a bambini con disturbi dello spettro autisticob. Si tratta di "Estate creativa", un progetto educativo proposto a Trento da Artedanza, in collaborazione con il Laboratorio di Osservazione, Diagnosi e Formazione di Rovereto (ODFLAB), che utilizzerà la danza, la musica e il movimento. Questi saranno infatti gli strumenti che il progetto si propone di usare per intervenire sulle capacità relazionali, sul linguaggio e sulle capacità di coordinazione dei partecipanti, partendo dai loro interessi, all'interno di un contesto divertente e stimolante.
Psicologi ed educatori con esperienza nel campo dei disturbi dello spettro autistico seguiranno i bambini nelle attività, che prevedono anche laboratori creativi (danza, pittura, cucina).
L'iniziativa si rivolge a piccoli dai 5 ai 9 anni, in queste settimane: dal 23 al 27 giugno e dal 21 al 25 luglio 2014. Info qui: http://artedanzatrento.it e associazione.artedanza@gmail.com


Analoga è una iniziativa rivolta a piccoli autistici, questa volta a Torino, promossa dal gruppo Arteterapia che promuove per la seconda e terza settimana di luglio un' esperienza pilota di centro estivo part-time dedicato ai bimbi dai 6 ai 10 anni. Organizzati in un piccolo gruppo, per quattro mattinate e una giornata intera alla settimana sle attività prevedono giochi al parco, e giro in piscina, ma ci si allenerà anche a prendere i mezzi pubblici, si proverà a fare delle foto, si visiteranno musei e si faranno laboratori artistici, musicali ed espressivi in generale. Il tutto  - fanno sapere gli organizzatori - con un'attenzione particolare alla comunicazione del programma attraverso agende visive personalizzate, al controllo delle situazioni di rumore e caos eccessivo, alla stimolazione dell'interazione sociale, al mantenimento o raggiungimento di nuove autonomie, etc. Le attività si svolgeranno presso Area Onlus  (http://www.areato.org), in corso Regina Margheriata 55 a Torino.
Per informazioni: elisanoce@yahoo.it, tel. 3452271055


IN DISABILI.COM:

CENTRI ESTIVI E DISABILITA': QUALE ACCOGLIENZA?


Francesca Martin