Menu

Tipografia

Re-WalkIl prototipo viene sperimentato in Israele e Usa

Qualcuno azzarda, e sostiene che potrebbe anche diventare realtà ‑¬â€˜ in un futuro non troppo lontano- il sogno di poter camminare per milioni di disabili. Succederà grazie ad un esoscheletro telecomandato inventato in Israele e presentato ora al pubblico. Radi Kaiof, disabile da 20 anni, riesce oggi a camminare grazie a «ReWalk», l'esoscheletro della società hight tech israeliana «Argo Medical Technologies».

Il macchinario telecomandato è fornito di motori elettrici posizionati nei giunti, batterie ricaricabili, una serie di sensori e un sistema di controllo computerizzato. Il disabile è in grado di salire e scendere le scale, alzarsi, sedersi e camminare - il tutto senza grandi difficoltà . La tuta aderisce perfettamente al corpo per percepire i movimenti del busto che attivano e mantengono la camminata. Chi la indossa però è ancora costretto all'utilizzo di stampelle per mantenere stabilità ed equilibrio. Il sistema, in pratica, consiste in una gamba motorizzata, con dei sensori da applicare sul corpo e una scatola di controllo computerizzata.

Il prototipo è tuttora in fase di sperimentazione in due centri di recupero disabili in Israele e negli USA. Ironicamente l'uomo a cui si deve questa brillante tecnologia, non può beneficiare della propria invenzione: l'ingegnere Amit Goffer è infatti quadriplegico a causa di un incidente e possiede solo un parziale uso delle mani, non sufficiente per manovrare «ReWalk». La tecnologia è un «grande passo in avanti», dice orgoglioso l'inventore. «Il beneficio più grande di questo macchinario è la riconquista della dignità e dell'autostima. Molti non se ne rendono conto, ma crescere su una sedia a rotelle non è affatto facile, questa è una vera rivoluzione», dice Goffer. Il prodotto sarà in vendita dal 2010 e costerà circa 20.000 dollari.

INFO:
Argo Medical Technologies


PER CONTINUARE A NAVIGARE:
L'esosceletro anche su FuturoProssimo
Il Sito Oltre le Barriere
Il sito Architettura e Design


IL VIDEO SU CORRIERE.IT

[Redazione]