Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

"Ci sono notizie difficili da inquadrare come buone, perché dipende da come le guardi. Per esempio se uno rimane senza una gamba è una notizia pessima, ma non ci può fare nulla, sapere invece che c'è una soluzione potrebbe essere un'ottima notizia".
La voce in studio è quella di Milena Gabanelli, autrice e volto di Report, il fortunato programma d'inchiesta in onda da qualche anno a più riprese su Rai3. Dal 16 ottobre è partita l'edizione 2005-2006, la domenica sera, ore 21.00. Siamo sintonizzati su Rai3 per la seconda puntata, si parla di disastri ambientali annunciati. Storia vecchia (si pensi al Vajont), ma che non ha ancora insegnato abbastanza, come dimostrano i video che si susseguono in trasmissione.
Alla fine sterzata improvvisa del programma, e si passa a parlare di disabilità , amputati che tornano a camminare e ad essere autonomi grazie a protesi speciali. Sono esempi americani, si dirà . Infatti il servizio di Report, i cui dialoghi a cura di Benedetta Brevini e Paolo Magagnoli sono visionabili a questo link, raccontano la storia di Cameron Clapp, 19enne di Santa Barbara, California.

Ma forse non tutti sanno che storie simili ne esistono anche in Italia, dove il ginocchio elettronico C-Leg che permette (unito ad una grande reattività e determinazione) di raggiungere certi risultati è regolarmente in commercio, a cura di Ottobock Italia.
Tramite dei sensori e un microprocessore il C-Leg sa sempre in quale fase del cammino ci si trova. Infatti 50 volte al secondo viene misurato l'angolo di flessione e la velocità di angolazione.
In questo modo ad ogni situazione si riesce ad avere la giusta "risposta" dall'ausilio, che va ad integrarsi appieno con chi la usa. Cameron Clapp corre i 100 metri in 18 secondi, figuriamoci...
E pensare che la diagnosi del primo medico che l'ha visitato dopo l'incidente gli aveva dato ben poche chances. "Mi ha detto che al 90% dei casi sarei rimasto per tutta la vita su una sedia a rotelle, e che forse avrei camminato solo il giorno del mio matrimonio, forse il giorno della laurea. Il dottore non diceva queste cose a me direttamente, ma non ha mai dato speranze alla mia famiglia".
Oggi fa tutto da solo. Dice: "Le protesi mi permettono di vivere la mia vita in modo pieno, senza limitazioni".
C'è bisogno di queste notizie.

INFO:
A questo indirizzo i dialoghi del servizio di Report.

Si parla del ginocchio elettronico anche in questi articoli:
IL C-LEG IN GARA AL WELL-TECH AWARD 2004

L'INNOVAZIONE E' VIETATA, LA VITA NON MIGLIORA

CICLISTI DISABILI AL GIRO D'ITALIA

Per informazioni sul ginocchio elettronico si veda questo link di presentazione dell'azienda Ottobock.
Per contatti con l'azienda fare riferimento alla mail info.italia@ottobock.com.


[Alberto Friso]