Menu

Tipografia

Finchè si dovrà fare i conti con barriere architettoniche così numerose, non ci sarà vera libertà di movimento per le persone con disabilità

Finchè ci saranno persone in carrozzina bloccate nei loro appartamenti a causa di ascensori non funzionanti nei condomini, finchè ci saranno persone con  disabilità motorie costrette a muoversi con la macchina perché le stazioni della metro non sono raggiungibili col montascale (perennemente rotto), finchè i marciapiedi saranno terra di nessuno, con il rischio costante per le persone con disabilità della vista che vi si avventurano a piedi e da soli, potremo dire che il lockdown non è veramente finito.

TUTTI POSSIAMO ESSERE PERSONE A MOBILITÀ RIDOTTA
Sono tutti questi esempi di barriere architettoniche che in un modo o nell’altro limitano o azzerano la libertà delle persone e il loro diritto a muoversi. Una limitazione che tutti noi abbiamo provato quando nei mesi scorsi siamo stati costretti a non uscire di casa nel periodo più emergenziale della pandemia che stiamo attraversando, provando un senso di impotenza, di limitazione. Questo contesto ci ha mostrato come in realtà chiunque incontri barriere o problemi negli spostamenti diventi una Persona a Ridotta Mobilità (PRM): una categoria molto estesa in cui rientrano persone con disabilità permanente o temporanea, anziani, persone che accompagnano bimbi piccoli o con problemi di orientamento, difficoltà d'apprendimento o con disagi intellettivi o relazionali, persone di bassa statura o che si muovono con bagagli pesanti o ingombranti, donne in stato di gravidanza, ecc.

FIABADAY 2020
Riporta l’attenzione su quanto ancora c’è da fare sul fronte dell’accessibilità il Fiabaday 2020, la diciottesima giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche, che si celebra il prossimo 4 ottobre, con la campagna di sensibilizzazione “Per me il lockdown non è finito”, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Ricorda FIABA che La legge 13/1989 "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati" a più di trent’anni dalla sua promulgazione non è risultata sufficiente a rendere la maggior parte delle abitazioni effettivamente fruibili e confortevoli per tutti. Il FIABADAY 2020 vuole portare all'attenzione delle organizzazioni che andranno ad esercitare la riqualificazione degli edifici e delle organizzazioni sindacali che rappresentano gli amministratori di condominio, un programma di sensibilizzazione condiviso atto ad ottenere l'abbattimento anche di una singola, minima, barriera.

In occasione della giornata, dalle 10 del mattino di domenica 4 ottobre su un palco allestito in piazza Colonna a Roma si alterneranno incontri, seminari, dibattiti, momenti ludici e di svago. Nella stessa giornata si terranno visite guidate a Palazzo Chigi riservate alle persone con disabilità, ai bambini, agli anziani e loro accompagnatori.

Per info:

https://www.fiaba.org/

Potrebbe interessarti anche:

Presentato un emendamento per estendere il bonus 110% all’abbattimento barriere architettoniche

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy