Menu

Tipografia

Si rivolge a noi, l'assessore ai servizi sociali di un comune della provincia di Padova, per raccontarci la sua incapacità a risolvere un apparentemente facile problema di accessibilità!

La storia che vi raccontiamo ha per protagonista Enrico Rinuncini, assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ponte San Nicolò, alle porte di Padova.
Avendo costruito un nuovo municipio accessibile, il nostro personaggio ritiene sia arrivato il momento di rendere fruibile ai disabili anche tutte le attività commerciali presenti nel territorio.
Con il grande entusiasmo che caratterizza i giovani (come potete apprezzare dalla fotografia in apertura di pezzo), l'assessore coinvolge le associazioni di volontariato che si occupano di disabilità nel territorio.

L'impresa che propone all'apparenza sembra essere abbastanza facile: per lo più basterà mettere una piccola rampa, perché la stragrande maggioranza delle attività commerciali ha un solo gradino.

Ma l'entusiasmo viene subito stoppato, perché quasi tutte le attività commerciali sono direttamente confinanti con il suolo pubblico, e non vengono concesse le necessarie autorizzazioni.
Come se ciò non bastasse, le rampe spesso finiscono inesorabilmente nel suolo del marciapiede, diventando fonte di grave pericolo per gli altri pedoni, per non parlare poi di eventuali non vedenti.

Non è possibile nemmeno fare dei raccordi direttamente con il marciapiede, (come da qualche parte si era proposto), in quanto le altezze dei scalini variano molto tra di loro creando inesorabilmente un continuo sali scendi, evidentemente improponibile…

Altre soluzioni suggerite, come la chiamata tramite campanello, o rampe metti e togli all'occorrenza sono parse macchinose, per la serie peggio la topa del buco.

Ma l'assessore non ritiene ancora persa la battaglia, chiede anche tramite la nostra testata  a chiunque conosca codesta realtà, soluzioni sia tecniche che burocratiche, indicazioni e informazioni.

E noi certo non ci si tira indietro! Le vostre amministrazioni hanno risolto la cosa? Come? Conoscete possibilità che al giovane amministratore sono sfuggite?
Aspetto (spero) le vostre numerose e-mail…

INFO:

Il sito del Comune di Ponte San Nicolò

Di non accessibilità per i pedoni sulle nostre strade ci siamo occupati anche con questi articoli:
SE IL MARCIAPIEDE MANCA, CHI PENSA ALLA SICUREZZA DEI PEDONI IPOVEDENTI?

OSPEDALE PER POCHI. TRA PALI, MURETTI E OSTACOLI


[Valter Nicoletti]