Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

La tappa della Volkswagen Cup corsasi presso la pista di Vallelunga, a Campagnano (Roma) è l'occasione per incontrare molti piloti e addetti ai lavori. Vi riportiamo la nostra chiacchierata con il responsabile dei corsi di guida sicura Volkswagen, il Sig. Giorgio Ciriotti.

Come nasce la scuola di guida sicura Volkswagen?
Mi sono occupato per anni di sicurezza stradale, come pilota e istruttore, e so quanto è importante insegnare agli automobilisti ad essere sicuri e padroni della strada, in qualsiasi momento. Voilkswagen, da sempre attenta ai temi di sicurezza attiva e passiva, nel 2005 ha deciso di affidare alla mia scuola i programmi di guida sicura ufficiali. Da allora, anche grazie al contributo di uno staff tecnico altamente qualificato e di moderne tecnologie legate al mondo dell'automobile, siamo cresciuti insieme per offrire un servizio sempre più professionale e differenziato a seconda delle esigenze. Ci sono molte situazioni potenzialmente rischiose che possono essere evitate solo conoscendo le tecniche più corrette per affrontarle. La Scuola di Guida Sicura Volkswagen offre a tutti i propri allievi, normodotati o diversamente abili, l'opportunità di migliorare la qualità e la tecnica di guida attraverso svariate tipologie di corsi in pista presso gli autodromi più prestigiosi d'Italia.

Come è nata l'idea di aprire i corsi anche ai patentati speciali?
Se può sembrare scontato per una casa automobilistica sostenere la mobilità, è proprio la mobilità a non essere sempre scontata. La possibilità di muoversi liberamente non è un bene che appartiene a tutti perché c'è una parte del mondo che non ne ha mai goduto e non ne può godere. Volkswagen, dando sostegno a chi vive tutti i giorni in prima persona i disagi della disabilità, ha deciso di essere attiva anche su questo fronte. Sin dal 2000 si è dato un notevole impulso ai programmi dedicati ai disabili e ormai da anni organizziamo giornate dedicate alle persone diversamente abili che, durante tutta la durata del corso, sono affiancate da un pilota istruttore professionista e usufruiscono di vetture appositamente allestite. Pioniere in questa tipologia di corsi, Volkswagen è sempre stata convinta che sia fondamentale prestare attenzione alle esigenze di tutti e offrire la possibilità di una guida sicura e consapevole davvero a tutti, senza distinzioni.
L'esperienza a contatto con il pubblico come direttore della Scuola di Guida Sicura Volkswagen, che dirigo dal 2005, mi ha insegnato che uno stile di guida responsabile non conosce limiti legati né all'età né alle difficoltà motorie. Per questo, oltre ad organizzare numerosi corsi per giovani neopatentati, in collaborazione con le scuole medie superiori, insegniamo ad ogni allievo ad apprezzare la sicurezza: il bello della strada senza il brivido.

Quali le considerazioni da parte degli istruttori?
La grinta e la voglia di mettersi in gioco di molti allievi dei nostri corsi ci hanno insegnato che le uniche barriere insormontabili sono quelle mentali. Per il resto i nostri istruttori sono altamente preparati ad insegnare tutti i trucchi ed i segreti della strada, le migliori tecniche di guida, le medesime opportunità dei guidatori normodotati.

Ha notato differenze tra allievi così detti normodotati e allievi disabili?
Ogni persona ha un approccio differente alla guida. Ma credo che il modo di sentire la strada ed avvertire i limiti ed il pericolo non dipendano da vincoli legati alle capacità motorie. Anzi.
I nostri corsi sono sempre aperti a tutti e l'unica differenza fra allievi normodotati e allievi disabili è rappresentata dagli allestimenti delle vetture usate per il corso. Non ci sono differenze sostanziali nell'apprendimento degli allievi o nella loro capacità di affrontare le difficoltà.

Sappiamo che ogni patologia ha un adattamento alla guida specifico: riesce a sopperire a tutte le richieste?
In effetti gli allestimenti speciali per le vetture sono studiati appositamente in base alla patologia del guidatore, e sono molti. Noi della Scuola di Guida Sicura Volkswagen tuttavia riusciamo a soddisfare quasi l'85% delle possibili esigenze specifiche dei nostri allievi.

Le ditte che producono adattamenti sono disponibili?
Sì, collaborano volentieri con noi, perché riconoscono quanto sia importante aiutare le persone diversamente abili a vivere le limitazioni motorie non come ostacolo, ma come stimolo al miglioramento. La tecnologia e la ricerca negli ultimi anni hanno registrato grandi progressi che attualmente, come dicevo, ci permettono di ottenere ottimi risultati nella stragrande maggioranza dei casi.

Ha qualche idea che riguarda i disabili e che non è ancora riuscito a realizzare?
Tantissime. Ed il desiderio più grande è quello di trasformare il maggior numero di sogni possibile in progetti.
Nella prima settimana di Ottobre partiremo con i Volkswagen Touareg per un test drive nel deserto, nel sud della Tunisia. Un'esperienza di guida sicuramente avvincente, tra strade asfaltate e piste di sabbia che si inoltrano nel Grande Erg del Sahara orientale.

Qualche allievo disabile passato per la Sua scuola è diventato un pilota?
Molti nostri allievi guidano regolarmente vetture, anche di grandi cilindrate, nella vita privata e per il loro lavoro.
Tra i tanti allievi passati nella nostra scuola mi piace ricordarne uno in particolare, Giulio Valentini, che ha fatto della sua passione la propria professione ed oggi lavora regolarmente come istruttore nei nostri corsi. Per noi è un grandissimo motivo d'orgoglio e ci auguriamo che la sua esperienza possa essere stimolo ed esempio per molti allievi.

INFO:

GUIDA SICURA Volkswagen - Frazione Sessant 213/A - 14020 Asti
Tel: 0141/411827 - Fax: 0141/411826

Vedi anche l'intervista rilasciataci da Giulio Valentini 

A questo indirizzo il nostro Speciale Guidate per voi

[Valter Nicoletti]