Menu

Tipografia

La Fand e la Fish,  riunitesi il 17 dicembre 2002, hanno valutato l'appello sottoscritto da più di trenta progettisti italiani ed esteri sulla realizzazione del nuovo ponte per Venezia ideato dall'Arch. Calatrava.
La Fand e la Fish e tutte le organizzazioni aderenti ritengono che l'opera in questione sia contraria ad ogni processo di inclusione sociale o di mainstreaming delle persone con disabilità.
La Fand e la Fish ritengono particolarmente grave che la progettazione e la realizzazione di tale opera sia gravemente lesiva della dignità e dei diritti delle persone con disabilità sanciti dalla Costituzione Italiana e dall'ampia normativa vigente in materia.
La Fand e la Fish si adopereranno al fine di impedire la costruzione di quest'opera, dall'alto valore simbolico, attraverso iniziative nei confronti del Sindaco di Venezia, del Presidente della Giunta regionale e del Ministero alle Infrastrutture richiamando le rispettive responsabilità anche sul piano giudiziario.
La Fand e la Fish plaudono all'iniziativa di un numero così alto di tecnici i quali condividono le battaglie di civiltà condotte dal mondo dell'associazionismo dei disabili.
Quindi sottoscrivono ogni parola dell'appello da loro realizzato, invitando gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri ad aderire ed i mezzi di comunicazione e gli opinion maker ad esprimersi in merito. Sarebbe interessante conoscere l'opinione in proposito dei nostri lettori.