Menù

ascensori per disabili
assistenza Disabili

Typografia

 

E' arrivato il via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge che reintroduce l'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'iscrizione a scuola.

DIVIETO DI ISCRIZIONE AI NON VACCINATI - Passano a dodici i vaccini obbligatori, e l'obbligo riguarda i bambini dagli 0 ai sei anni. L’obbligo riguarda quindi nido e asilo, ai quali si potranno iscrivere i propri figli solo se vaccinati.

SANZIONI PECUNIARIE - Per quanto riguarda le scuole dell'obbligo, invece, c’è sempre l’obbligo di vaccinazione ma a non essere vaccinati si rischieranno “solo” sanzioni pecuniarie molto pesanti ("multe dalle dieci alle trenta volte maggiori di quelle esistenti", ha detto il premier, Paolo Gentiloni) per i genitori, ma non il divieto di iscrizione.  E’ passata quindi la linea del Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, a scapito della richiesta del Ministo della Salute Beatrice Lorenzin, che chiedeva l’obbligo vaccinale fino ai 10 anni per l’iscrizione a scuola

I VACCINI OBBLIGATORI - I vaccini obbligatori diventano quindi dodici: oltre ad antipoliomelitica, antidifterica, antitetanica, antiepatite b e antipertosse, da raccomandati diventano obbligatori l’antiemofilo di tipo B e i vaccini contro morbillo, rosolia, parotite, varicella, meningococco B e C

COME FUNZIONERA' - All’iscrizione presso qualunque istituto, cioè da 0 a 16 anni, bisognerà presentare il libretto vaccinale. Se non risuterà in regola con le vaccinazioni o si è in lista di attesa, la scuola riferirà alla Asl, che chiamerà la famiglia.  Alla famiglia verrnno dati un tot di giorni di tempo per provvedere alla vaccinazione mancante. Se questo non avviene, scatterà una sanzione molto elevata, che per chi non è in regola si ripeterà ogni anno.

I COMMENTI - "Superare le difformità a livello regionale e dare un'unica linea di indirizzo. Questo l'obiettivo del decreto approvato oggi, con cui abbiamo allargato a 12 le vaccinazioni obbligatorie per l'iscrizione a scuola". Lo ha detto il ministro della salute Lorenzin al termine del Cdm.
Il decreto rende obbligatoria "una serie di vaccini che finora erano semplicemente raccomandati. Tra questi vaccini ce ne sono di importanti come quelli contro il morbillo e la meningite che dal momento di approvazione del decreto diventeranno obbligatori con modalità transitorie che il decreto metterà in luce per consentire a famiglie e sistema di adeguarsi alla decisione senza traumi", ha aggiunto Gentiloni.

 

Redazione