Menu

Tipografia

metà    cervelloLe meraviglie del cervello umano

Doveva essere solo una lieve anomalia nello sviluppo cerebrale, la bambina aveva difficoltà a camminare, e faticava a utilizzare una mano. Per questo è stata segnalata all’IRCCS €˜E.Medea‑¬ ‑¬â€˜ La Nostra Famiglia di Ostuni (Brindisi), che si è occupato degli esami diagnostici.
La risonanza magnetica encefalica ha però sorpreso tutti: la bambina aveva una grande cisti poroencefalica, una disfunzione che interessa quasi tutto l’emisfero sinistro.
Le uniche zone escluse (nastro corticale in regione fronto-basale, temporale anteriore e temporale mesiale, talamo e nuclei della base) sono comunque sottoposte a una netta riduzione di flusso sanguigno.

Nonostante l’enorme danno cerebrale lo sviluppo neurologico però non è stato danneggiato drasticamente, la piccola paziente presenta infatti solo una lieve spasticità all'emisoma destro (la parte destra del corpo), un lieve disturbo dell'articolazione della parola e capacità di comprensione adeguate all'età .
Di fatto la bimba ha avuto uno sviluppo neuromotorio quasi normale, o per meglio dire solo lievemente disfunzionale.
Si può vivere quindi con un solo emisfero?
Non siamo certamente in grado di dirlo ora come ora, ma sicuramente la neuroplasticità cerebrale è sconcertante. Le zone del cervello sane (cervello che sappiamo non essere mai utilizzato in tutte le sue risorse) hanno compensato quelle malate o assenti, si sono reinventate al servizio di un’efficienza talmente perfetta da lasciare a bocca aperta.

La meravigliosa scoperta ha permesso al dottor Trabacca, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Neuroriabilitazione 1 del Polo Ostuni, e la dottoressa Di Cuonzo di pubblicare lo studio su questo caso sulla celeberrima rivista scientifica The New England Journal of Medicine. La pubblicazione "Living with one hemisphere - A large porencephalic cyst" promuove l’utilizzo di indispensabili tecniche innovative, quali il neuroimaging.

Si tratta di una tecnica che permette di analizzare a fondo i processi cerebrali, e di capire ogni giorno qualcosa in più delle meraviglie del cervello umano. Con le tecnologie della neuroimmagine siamo infatti in grado di misurare il metabolismo cerebrale, fondamentale per lo studio delle alterazioni encefaliche in seguito a patologie traumatiche, oncologiche, vascolari e neurodegenerative.

Comprendere le funzioni delle diverse aree del cervello e i collegamenti reciproci nella complessità integrata delle reti neuronali è una sfida che risveglia ogni giorno la curiosità della comunità scientifica.
Curiosità che non deve farci dimenticare quanto sia importante la persona che si cela dietro al paziente, la sua unicità . Dobbiamo ricordare e ricordarci quanto sia importante la relazione di cura e l’alleanza terapeutica.

Per info:
http://www.lanostrafamiglia.it/
http://www.emedea.it
Polo di Ostuni (Br)
Via dei Colli ‑¬â€˜ 72017 Ostuni (Br)
telefono 0831/349111 ‑¬â€˜ fax 0831/349246
e-mail irccs@os.lnf.it

Trabacca A, Di Cuonzo F. Living with one hemisphere - A large porencephalic cyst. - N Engl J Med 361;16 October 15, 2009


In DISABILI.COM:

GUIDA COMPLETA ALLA GRAVE CEREBROLESIONE ACQUISITA

Ilaria Vacca

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->