Menu

Tipografia
laboratorio: pipette Unanimità della Commissione Affari Sociali  della Camera alla sperimentazione del metodo Stamina, con supervisione di Aifa e Iss

La Commissione Affari Sociali  della Camera ha votato all'unanimità a un emendamento al decreto Balduzzi, che dà il via libera alla sperimentazione di terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali, quelle cioè usate con il "metodo Stamina". La sperimentazione sarà promossa dal Ministero della Salute avvalendosi di Aifa (Agenzia italiana del farmaco), Iss (Istituto Superiore di Sanità )e Cnt (Centro Nazionale Trapianti) e con l'unico paletto della sicurezza dei pazienti.

Ricordiamo che la questione è da tempo al centro di una diatriba  che  interessa il cosiddetto metodo Vannoni (o metodo Stamina), il quale prevede l'utilizzo di cellule staminali adulte mesenchimali per tentare la cura di patologie altrimenti molto gravi e al momento senza cura, come alcune serissime malattie rare. Cure che attualmente sono somministrate ad alcuni soggetti, in modo gratuito, presso gli Spedali Civili di Brescia, ma sulla cui efficacia e sicurezza si scontrano le parti. Il caso, ricorderete, ha visto anche l'intervento della magistratura, portando la questione a uscire dal solo ambito medico.

Ora dunque la situazione pare sbloccata: un finanziamento di tre milioni di euro, vincolati nel Fondo sanitario nazionale coprirà la sperimentazione,  che partirà dal 1 luglio per 18 mesi, e per garantire ''la ripetibilita' delle terapie le modalita' di preparazione'' dovranno essere rese disponibili ad Aifa  e Iss, che avranno funzione di controllo.

Nel pomeriggio di ieri si era registrata tensione a piazza Montecitorio, dove le famiglie dei malati manifestavano a sostegno della sperimentazione e del protocollo Stamina. Intervenendo alla manifestazione, Davide Vannoni, Presidente di Stamina Foundation, ricordava: "Sono 84 i pazienti in cura agli Spedali di Brescia con il metodo Stamina, ma ci sono 600 famiglie pronte a fare ricorso per ottenere le cure con staminali sulla base del nostro protocollo". 
I manifestanti, alla notizia dell'approvazione della sperimentazione, hanno poi fatto esplodere la loro gioia.

Alla notizia dell'approvazione della Commissione alla sperimentazione, è stata cauta la reazione di Davide Vannoni, soprattutto rispetto al tipo di laboratori che attueranno la sperimentazione:  "In laboratori farmaceutici il nostro metodo non è applicabile", ha commentato.  Va infatti detto che lo studio rispetterà le regole in vigore a livello europeo applicate per i farmaci (Regolamento europeo 1394 del 2007), che prevedono metodica e requisiti tecnici differenti rispetto a quelli utilizzati nel protocollo Stamina.

Ora la palla passa al Senato per la conversione in legge del decreto, dopo il passaggio al Senato, entro il 25 maggio.


IN DISABILI.COM

OK A CURE CON STAMINALI GIA' AVVIATE, E NIENTE CHIUSURA OPG
 
STAMINALI: SU "NATURE" SCIENZIATI INORRIDITI PER IL CASO ITALIANO


Redazione


Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->