Menu

Tipografia

catellaIl progetto sperimentale è stato denominato €˜SP ‑¬â€˜ Belluno Stella polare‑¬

Parte da Belluno la sperimentazione di una nuova modalità di presa in carico delle persone in condizioni di bisogno. È stato infatti distribuito ai servizi sociali e alla rete dell’associazionismo locale un innovativo software che rende possibile la fruizione di una €˜cartella sociale informatizzata‑¬ delle persone che si rivolgono ai servizi e che chiedono aiuto alle realtà associative. Il progetto sperimentale è stato denominato €˜SP ‑¬â€˜ Belluno Stella polare‑¬.

Nel pieno rispetto della privacy, questo strumento consentirà di favorire il dialogo e la conoscenza reciproca tra tutti gli attori che lavorano a favore della persona, di sapere quante persone e con quali problematiche sono seguite nel territorio, quale realtà se ne sta facendo carico, quali progressi sono stati fatti. In sostanza si tratta di una di cartella accessibile via internet attraverso un sistema di password. Il risultato è un sistema integrato e unitario di gestione delle informazioni che permetterà anche la verifica dei loro costi e, cosa più importante, la valutazione dei risultati. Se il sistema, elaborato dalla Fondazione E. Zancan onlus di Padova, si confermerà efficiente e funzionale, sarà possibile rivedere totalmente la presa in carico sociale eliminando barriere e ostacoli dettati dalla mancanza di comunicazione.

Al progetto partecipano il Comune di Belluno, la Conferenza dei Sindaci Ulss n. 1, la Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, il Consorzio Bim Piave, Sersa (Servizi sociali assistenziali spa), l’Ulss n.1 di Belluno e Solidarietà organizzata.
La scelta del nome €˜SP - Stella polare‑¬ è dettata da diverse ragioni: €˜Attraverso questa sigla vengono richiamate le principali idee che hanno ispirato lo sviluppo del software ‑¬â€˜ si spiega dalla Fondazione Zancan ‑¬â€˜ SP sta a significare infatti Servizi alla Persona, Sistema Personalizzato di intervento, Strumento di lavoro con Persone, Strategia per Promuovere i diritti delle persone, Sistema di Progettazione, Software per Personalizzare i percorsi assistenziali‑¬.

Tiziano Vecchiato, direttore Fondazione Zancan, ha dichiarato: €˜In questo momento abbiamo bisogno di condividere le responsabilità superando la mentalità abituale individualistica. Come dimostrano alcune analisi della spesa per l’assistenza sociale dei Comuni veneti a cura dell’Istat, della Regione e degli stessi territori, esiste una profonda differenziazione nelle risorse investite nelle politiche sociali: nel 2004 la spesa media dei comuni presentava un differenziale da 1 a 11 e questo significa che ci sono realtà in cui un cittadino vale 1, altre in cui vale 11. Nel 2005 il differenziale è aumentato: da 1 a 12. Senza un governo condiviso delle risorse non si fa altro che ampliare le differenze tra le persone, pur non volendolo. Belluno in materia di risorse si colloca sopra la media regionale, ma questo non vuol dire che si può abbassare la guardia, anzi: bisogna guardare avanti e investire sul rendimento di queste risorse. Personalizzazione, umanizzazione ed efficacia sono i punti cui bisogna tendere, dobbiamo fare incontrare equità e risultati‑¬.


INFO:

Fondazione Zancan
Padova, in via Vescovado 66
tel. 049 663800
fax 049 663013
e-mail fz@fondazionezancan.it
www.fondazionezancan.it


IN DISABILI.COM:

I MINORI E LE FAMIGLIE VULNERABILI

Alessandra Babetto

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->