Menu

Tipografia

Una due giorni di respiro europeo per approfondire il tema della bioetica legata alla disabilità.
Per predisporre questo momento di studio si sono impegnati assieme Università di Padova, che ospita la manifestazione nella sua sede principale di Palazzo del Bo (aula Nievo, via VII Febbraio, 2), l'Amministrazione Regionale del Veneto, presente con l'assessore alle Politiche Sociali De Poli, e quella Locale, con i massimi rappresentanti.
Inoltre, a dare maggior significato al convegno, è assicurata la presenza di molte associazioni per disabili, con importanti personalità italiane ed europee: tra tutte segnaliamo Giampiero Griffo, presidente della sezione europea del Disabled Peoples' International.
L'appuntamento con questo inedito tema è per Giovedì 13 e venerdì 14 novembre 2003: titolo del  convegno europeo è "Disabilità e Bioetica. I diritti, i dilemmi", per dire delle opportunità che la riflessione sulla bioetica può portare al mondo della disabilità, ma anche dei rischi e delle attenzioni che occorre avere in questo campo, troppo spesso alla ribalta dell'attenzione nazionale solo di fronte a tragedie di forte impatto emotivo. Su tutte la recentissima storia di Vincent, il giovane francese paraplegico che ha scelto di farsi uccidere dalla madre consenziente.
E allora è bene chiarirsi le idee, e ben venga un'occasione qualificata come queste due giornate di riflessione, dove verranno analizzati i temi della disabilità, della bioetica e dei diritti umani, per confrontare i modelli teorici con le aree applicative delle terapie intensive e riabilitative,e con le aree delle politiche allocative e comprendere fino a che punto siano rispettati e tutelati i diritti di ogni persona.
L'appuntamento è, inoltre, un'occasione per confrontarsi con esperienze europee, per descrivere i passi in avanti, per delineare i percorsi culturali possibili e comprendere quale impegno sia richiesto sia alle istituzioni che alla comunità civile per realizzare una società più attenta alla tutela e alla difesa della dignità dei disabili.
"Impegnarsi per garantire il diritto alla vita di ogni persona - spiega Antonio De Poli, Assessore Regionale alla Politiche Sociali, Volontariato e Non Profit -, soprattutto delle persone con disabilità, rappresenta un dovere della comunità civile e istituzionale, imprescindibile in particolare quando parliamo e disegniamo politiche in favore della persona per migliorarne le condizioni e la qualità della vita".

Di seguito il programma dettagliato delle due giornate di studio:

Giovedì 13 novembre
Ore 15.00: apre i lavori Antonio De Poli, assessore regionale alle Politiche sociali, volontariato e non profit.
Ore 15.20: saluto di Vincenzo Milanesi, rettore dell'Università degli Studi di Padova; Giustina Mistrello Destro, sindaco di Padova; Vittorio Casarin, presidente Provincia di Padova; Adriano Cestrone, direttore generale Azienda Ospedaliera di Padova.
Ore 15.40: I sessione: "Disabilità e bioetica. L'approccio basato sui diritti umani". Introducono e moderano Paolo Zatti, direttore del dipartimento di Diritto Comparato dell'Università di Padova; Corrado Viafora, docente di Bioetica presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Padova. Relazioni di Giampiero Griffo, presidente di Disabled Peoples' International-Europa; Giovanni Nervo, presidente onorario Fondazione Zancan; Elena Pariotti, docente di Diritti Umani presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Padova.
Ore 16.40: "Disabilità, bioetica, diritti: di fronte al problema del limite". Intervengono Lino Chiandetti del dipartimento di Pediatria, Terapie Intensive dell'Università di Padova, Luisella Bosisio Fazzi, presidente Consiglio Nazionale sulla Disabilità, Pietro Barbieri, presidente nazionale FISH (Federazione italiana sport e handicap), e Tommaso Daniele, presidente nazionale FAND (Federazione associazioni nazionali disabili).
Ore 18.00: conclude Pierre Mertens, presidente della Federazione Internazionale per idrocefali e spina bifida.

Venerdì 14 novembre
Ore 8.45: saluto di Marco Marin, assessore Servizi Sociali Comune di Padova; Fortunato Rao, direttore generale ULSS 16.
Ore 9.00: II sessione: "Test genetici e disabilità". Introducono e moderano Paolo Zatti, direttore dipartimento di Diritto comparato dell'Università di Padova; Corrado Viafora, docente di Bioetica presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Padova. Relazioni di Romano Tenconi, ordinario di Genetica Medica del dipartimento di Pediatria dell'Università di Padova; Rita Barbuto, presidente di Disabled Peoples' International - Italia; Stefano Rodotà, presidente dell'Autorità per la Privacy. Interventi di Ezio Lojacono, presidente Anffas- Reggio Calabria; Emilia Napoletano, presidente Disabled Peoples' International- Italia; Renata Trevisan, Coordinamento Veneto Down.
Ore 11.30: " Test genetici, disabilità e bioetica: esperienze europee a confronto". Introduce e modera Cosimo Mazzoni, ordinario di Diritto Privato dell'Università di Siena. Relazione introduttiva di Adriano Previtali, Università di Friburgo. Interventi di Dinah Radtke, ISL Rete Tedesca dei centri per la vita indipendente; Pedro Grilo, Asociaçao portuguesa de deficientes; Luisa Borgia, coordinatore didattico Master di Bioetica dell'Università di Camerino.
Ore 14.00: III sessione: "Bioetica, disabilità, diritti: la prospettiva delle istituzioni". Introducono e moderano Giampiero Griffo, presidente Disabled Peoples' International-Europa, e Roberta Caldin, prof.ssa di Pedagogia presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Padova e membro del comitato scientifico Regionale per l'Anno Europeo delle Persone con Disabilità. Interventi di: Franco Toniolo, segretario Settore Socio Sanitario della Regione Veneto; Marco Mascia, Centro Diritti Umani dell'Università di Padova; Mimma De Gasperi, responsabile Settore Disabilità Università di Padova.
Ore 15.40: conclusioni di Giampiero Griffo, presidente Disabled Peoples' International- Europa; Paolo Zatti, direttore del dip. di Diritto Comparato dell'Università di Padova; Corrado Viafora, prof. di Bioetica presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Padova.
Ore 16.00: chiude i lavori Antonio De Poli, assessore regionale alle Politiche sociali, volontariato e non profit.

INFO:
Programma, depliant e scheda di partecipazione sono scaricabili su: www.venetosociale.it

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->