Menu

Tipografia

Dal 1991, la Regione Friuli Venezia Giulia finanzia iniziative relative alla teleassistenza domiciliare, esperienza molto radicata nella provincia di Trieste e in continua crescita anche nelle altre province.
Proprio con l'obiettivo di estendere ulteriormente il servizio di recapito dei medicinali urgenti a domicilio nelle ore notturne, di fondamentale aiuto per anziani, disabili e pazienti cronici, si è tenuto nei giorni scorsi, presso la sede dell'ANCI, un importante incontro.
Il servizio, attivato di recente nel territorio del Comune di Udine, costituisce un primo significativo intervento presentato dai presidenti di Federfarma di Udine, Damiano De Grassi, di Televita S.p.A., Michela Flaborea, e dal segretario dell'Ordine dei Farmacisti, Michele Favero.
Presenti il presidente di FEDERSANITA' ANCI FVG, Giuseppe Napoli, insieme al componente del Direttivo, Marilena Francioso, e per l'ANCI i vicepresidenti, Alcide Murdore, Sergio Cuzzi e i componenti del Direttivo, Lietta Dell'Oste, Renato Antonelli e Luciano Del Frè.
Da parte sua, il presidente di FEDERFARMA, De Grassi, ha inoltre illustrato la nuova filosofia dell'Associazione, che intende sempre più fornire servizi ai cittadini, tramite la rete delle farmacie, nell'ottica di un'"assistenza globale" che vede il farmacista quale importante punto di riferimento del settore socio-sanitario.
La presidente di Televita, Michela Flaborea, ha auspicato un ulteriore aumento del numero dei Comuni che utilizzano il servizio di telesoccorso, manifestando interesse per l'allargamento dell'iniziativa udinese.
Lietta Dell'Oste, vicesindaco di Ovaro, ha auspicato l'attivazione di analogo servizio anche per le realtà della montagna.
Il presidente di FEDERSANITA' ANCI FVG, Giuseppe Napoli, ha ribadito l'esigenza di concretizzare tali iniziative attraverso una forte collaborazione tra Aziende sanitarie, Comuni e Regione e ha quindi concluso: "La strada intrapresa è quella giusta per l'atteso rafforzamento dei servizi socio-sanitari sul territorio e delle sinergie tra istituzioni locali ed Associazioni, per dare vita ad una rete a supporto delle persone più disagiate".

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->