Menu

Tipografia

martelletto tribunale Niente più controlli periodici né sospensioni delle agevolazioni per gli handicap irreversibili

“Raccogliamo i risultati di un lavoro di anni. Finalmente un Governo accoglie le nostre proposte in materia di semplificazione amministrativa e le fa proprie nel più recente decreto legge.” Questo il soddisfatto commento di Vincenzo Falabella – presidente della FISH-Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap – dopo la pubblicazione del decreto legge sulla semplificazione e trasparenza amministrativa (D.L. 90/2014)
che dedica uno specifico e denso articolo al tema della disabilità.

L’articolo 25 reca come titolo “Semplificazione per i soggetti con invalidità”. Vediamo insieme cosa contiene e come cambiano le procedure amministrative per chi è portatore di handicap.

COMMI 1-3 – CODICE DELLA STRADA: Il primo comma prevedere che nella commissione esaminatrice per il rinnovo della patente speciale di un disabile sia sempre presente “un rappresentante designato delle Associazioni di persone con invalidità esperto in materia”. Il secondo comma prescrive invece che, laddove al detentore di patente sia riconosciuta un’invalidità permanente e non suscettibile di aggravamento, i successivi rinnovi di validità della patente di guida potranno essere effettuati senza passare per la commissione, cioè come tutti gli altri detentori di licenza di guida. Il terzo comma, infine, interviene sul tema dei parcheggi disponendo per i comuni l’obbligo, anche nell'ambito delle aree destinate a parcheggio a pagamento gestite in concessione, di predisporre un numero di posti destinati alla sosta gratuita degli invalidi muniti di contrassegno.


COMMA 4 –  ACCERTAMENTO INVALIDITÀ: Il quarto comma accorcia i tempi e semplifica la procedura per il rilascio di un certificato provvisorio di invalidità, in attesa della visita della commissione dell’INPS. Diventano infatti 45 (non più 90) i giorni di attesa dopo i quali il medico dell’USL può intervenire accertando lo stato di handicap e producendo un certificato che dà diritto a tutti i benefici previsti dall'art. 33 della Legge 104/92.


COMMI 5-6 – COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ
: Il comma 5 stabilisce che “ai minori già titolari di indennità di frequenza, che  abbiano provveduto a presentare la domanda in via amministrativa entro i  sei mesi antecedenti il compimento della maggiore età, sono riconosciute in via provvisoria, al compimento del diciottesimo anno di  età,  le prestazioni erogabili agli invalidi  maggiorenni", fino ovviamente alla visita di accertamento definitiva da parte dell’INPS. Il sesto comma è invece riferito ai minori titolari di indennità di accompagnamento per invalidità civile, o cecità o di comunicazione per sordità ai quali “sono  attribuite  al  compimento  della  maggiore  età, e previa presentazione della domanda in  via  amministrativa, le  prestazioni economiche  erogabili  agli  invalidi  maggiorenni,  senza  ulteriori accertamenti sanitari, ferma restando la sussistenza degli altri requisiti previsti dalla normativa di settore”.

COMMI 7-8 – RIVEDIBILITÀ: Il settimo comma sopprime un periodo della legge 98/2014 relativo alle visite a campione che prevedeva di non sottoporre a controllo gli invalidi in particolari situazioni.
La legge 80/2006, attualmente in vigore, sancisce che i soggetti portatori di menomazioni o patologie stabilizzate o ingravescenti, cui sia stata riconosciuta un’indennità di accompagnamento o di comunicazione, siano esonerati da ogni visita medica finalizzata all’accertamento della permanenza della minorazione civile o dell’handicap. La norma non estende quindi il divieto di revisione anche a tutte le situazioni stabilizzate a meno che non godano dell’indennità. Il comma 8 del Decreto Semplificazioni modifica il testo della Legge garantendo l’esonero dalla revisione riguarderà tutte le patologie stabilizzate, indipendentemente dalla gravità.

COMMA 9 – CONCORSI PUBBLICI: L’ultimo comma interviene sull’articolo 20 della Legge 104 sancendo che una persona con invalidità uguale o superiore all'80% non è tenuta a sostenere la prova preselettiva eventualmente prevista da concorsi pubblici e per l’abilitazione alle professioni.


PER APPROFODNIRE:

Testo completo del DECRETO-LEGGE 24 giugno 2014, n. 90 “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari”


IN DISABILI.COM:

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI

I DIRITTI DEI DISABILI

Alessandra Babetto