Menu

Tipografia


Aggiornate le cifre dal 1° luglio 2022 con aumenti dell’1,9%

Il Ministero del Lavoro ha provveduto a rivalutare, con alcuni aumenti, le cifre relative alle rendite INAIL per quanto riguarda le prestazioni per infortuni, inabilità e malattie professionali per i settori industria, marittimo, agricoltura. Le cifre così rivalutate, contenute in tre decreti del ministero (i numeri 108/2022, 106/2022, 102/2022), registrano un aumento dell’1,9%, e verranno applicate dal 1 luglio2022 al 30 giugno 2023.

Retribuzione annua per la liquidazione delle rendite
Per il settore industria la retribuzione media giornaliera per il calcolo del massimale e del minimale è fissata a euro 84,67: i due limiti di calcolo delle rendite diventano pari a 33.021,30 e 17.780,70 euro annui, come limite massimo e minimo.
Per il settore marittimo, la retribuzione massima annua è pari a 47.550,67 euro per i comandanti e i capi macchinisti; 40.285,99 euro per i primi ufficiali di coperta e di macchina; 36.653,64 euro per gli altri ufficiali.
La retribuzione annua convenzionale perla liquidazione delle rendite per inabilità permanente e per morte è fissata, a decorrere dal 1°luglio 2022,in € 26.837,14.
Mentre retribuzione annua convenzionale per la liquidazione delle rendite dirette e a superstiti costituite con decorrenza 1° giugno 1993, in favore dei lavoratori autonomi di cui all’articolo 205, primo comma, lettera b), del citato Testo Unico, o loro superstiti è di € 17.780,70 pari al minimale di legge previsto per i lavoratori dell’industria.

Assegno continuativo mensile
L’assegno continuativo mensile (di cui all’articolo 124 del Testo Unico delle disposizioni per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali) è un assegno che spetta a coniuge e figli dei lavoratori già titolari di rendita diretta, deceduti per cause indipendenti dall’infortunio o dalla malattia professionale.
Nel decreto 106/2022 viene applicato ilcoefficiente di rivalutazione 1,019, portando quindi alle seguenti cifre dal 1 luglio 2022:
Agricoltura
Inabilità dal 50 al 59%:
€ 328,53
Inabilità dal 60 al 79%: € 460,93
Inabilità dall’80 all’89%: € 855,80
Inabilità dal 90 al 100%: € 1.318,48
Inabilità 100% + a.p.c € 1.904,74

Industria
Inabilità dal 50 al 59%: € 411,50
Inabilità dal 60 al 79%: € 574,23
Inabilità dall’80 all’89%: € 985,85
Inabilità dal 90 al 100%: € 1.397,11
Inabilità 100% + a.p.c: € 1.982,93

Assegno una tantum
l’assegno una tantum in caso di morte (assegno funerario), a decorrere dal 1° luglio 2022, è fissato in € 10.742,76.

Assegno per l’assistenza personale continuativa
L’assegno per l’assistenza personale continuativa, a decorrere dal 1°luglio 2022, è fissato in 585,51. Ricordiamo che si tratta di una integrazione della rendita che, corrisposta mensilmente, non è soggetta a tassazione Irpef e non è cumulabile con altri assegni di accompagnamento corrisposti dallo Stato o da altri Enti pubblici. Durante i periodi di ricovero l’integrazione della rendita viene sospesa.

Assegno di incollocabilità
Nel decreto 102/2022 è indicata anche la rivalutazione dell’assegno di incollocabilità: L’importo mensile dell’assegno di incollocabilità dal 1° luglio 2022, è €268, 37euromensili.
Ricordiamo che l’assegno di incollocabilità viene erogato dall’INAIL ai lavoratori incollocabili al lavoro, ovvero che hanno riportato, a causa di un infortunio o malattia professionale, una riduzione della capacità lavorativa non inferiore al 34% e che a causa di ciò, non siano più in condizione di svolgere un'attività di lavoro, né di essere destinatari del beneficio dell'assunzione obbligatoria prevista dalla legge n. 68/1999.  

Per approfondire

Decreto 102/2022
Decreto 106/2022
Decreto 108/2022

Potrebbe interessarti anche:

Le tabelle con percentuali di invalidità per patologie

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->