Menu

Tipografia

 

La Regione Veneto ha pubblicato il bando per accedere ai contributi dedicati alle famiglie numerose o con studenti disabili, per coprire le spese di scuola e istruzione

Per sostenere le famiglie con figli in età scolastica, alcune regioni erogano dei contributi a sostegno di nuclei  che abbiano un ISEE basso, in particolare numerosi o comprendenti studenti disabili.

Ricordiamo qui il contributo previsto dalla Regione Veneto, che ha recentemente emanato il bando del “Buono Scuola”: un contributo previsto e disciplinato dalla Legge Regionale 19/01/2001, n. 1 e dalla Deliberazione della Giunta regionale n. 445 del 10/04/2018, per la copertura parziale delle spese che le famiglie di studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, residenti in Veneto, hanno sostenuto per iscrizione, frequenza p attività didattiche di sostegno a carico delle famiglie nell’anno formativo 2017/2018.  
Il contributo è assegnato in via prioritaria a studenti con disabilità (per i quali alcuni requisiti, come quello dell’ISEE  sono più generosi) e a quelli appartenenti  a famiglie numerose. Per poter accedere al contributo non è previsto alcun requisito di merito scolastico.

Vediamo l’entità dei contributi, chi può richiederli, a quali studenti e famiglie sono rivolti e per quali spese.

PER QUALI SPESE – Il contributo può essere concesso alle famiglie richiedenti per coprire le spese relative a tasse, rette, contributi di iscrizione e frequenza dell’istruzione scolastica-formativa sostenute per lo studente nell’anno scolastico-formativo 2017-2018. In caso di studente disabile, il contributo serve a coprire anche le spese sostenute per personale insegnante impegnato, durante l’orario scolastico o formativo, in attività di sostegno, sostenute direttamente dal richiedente (che può essere un genitore, un tutore o lo studente stesso, se maggiorenne).
La spesa deve essere:
1. Di almeno 200 Euro
2. Documentata con ricevuta di versamento (bonifico), fattura, etc
3. Confermata dall’istituzione scolastica nella parte riservata ad essa, all’interno del sito predisposto per presentare la domanda.
Non sono ammesse le spese sostenute per viaggi di istruzione, convitti, mense, trasporti, libri di testo  e sussidi scolastici, divisa, etc.


CHI PUO' RICHIEDERLO?
La richiesta può essere presentata dalle famiglie che abbiano tutti i seguenti requisiti:

1. comprendenti studenti residenti nella Regione Veneto, che hanno frequentato, nell’anno 2017–
2018:
- o Istituzioni scolastiche primarie, secondarie di I e II grado: statali, paritarie e non paritarie (incluse nell’Albo regionale delle “Scuole non paritarie”);
- o Istituzioni formative accreditate dalla Regione del Veneto, che svolgono i percorsi triennali o quadriennali di istruzione e formazione professionale, di cui all'accordo in sede di Conferenza Unificata del 19/06/2003 ed al D.Lgs. 17/10/2005, n. 226;

2. che abbiano speso, per ogni studente, per l’anno 2017-2018, almeno € 200,00 per tasse, rette, contributi di iscrizione e frequenza dell’Istituzione;

3. che abbiano un ISEE 2018
a) inferiore od uguale a € 40.000,00 in caso di studenti normodotati, o di famiglie  numerose
b) inferiore od uguale a € 60.000,00 in caso di studenti disabili

Sono previste 3 Fasce di ISEE, rispetto alle quali la somma del contributo viene modulata:
Fascia 1: da € 0 ad € 15.000,00
Fascia 2: da € 15.000,01 ad € 30.000,00
Fascia 3: da € 30.000,01 ad € 40.000,00

tabella fasce isee

Se lo studente appartiene ad una famiglia numerosa (con parti trigemellari o con numero di figli pari o superiori a quattro), il contributo può essere concesso fino agli importi massimi della Fascia 1.


PER GLI STUDENTI DISABILI?
Il contributo può essere richiesto dalle famiglie che hanno un ISEE 2018 inferiore od uguale a € 60.000,00.
E’ sempre concesso il contributo di Fascia 1.
Sono rimborsate anche le spese sostenute per l’attività didattica di sostegno, in orario scolastico, fino ad un massimo di € 15.000,00.

CHE COSA E’ L’ISEE – A CHI CI SI PUO' RIVOLGERE PER CALCOLARLO?
L’ISEE è’ l’indicatore della Situazione Economica Equivalente delle famiglie, che viene calcolato secondo criteri unificati a livello nazionale.
Per calcolarlo gratuitamente è possibile scegliere una delle opzioni:
a) rivolgersi al Comune di residenza, ai Centri di Assistenza Fiscale (C.A.F.) autorizzati, alle sedi INPS presenti nel territorio;
b) collegarsi al sito www.inps.it – “Servizi on line”, compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.S.U.).


PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA - Le famiglie possono fare domanda esclusivamente via web dal 02/05/2018 al 31/05/2018 (ore 12:00 – termine perentorio), seguendo questi passaggi:
1. entrare nella pagina internet: http://www.regione.veneto.it/istruzione/buonoscuolaweb
2. andare nella parte: RISERVATO AL RICHIEDENTE;
3. aprire il file ISTRUZIONI e le legge attentamente;
4. cliccare sul link DOMANDA DEL CONTRIBUTO;
5. compilare tutti i campi del Modulo web di domanda seguendo le Istruzioni riportate sopra ogni campo;
6. inviare la domanda alla scuola cliccando sul pulsante “Invia alla scuola”;
7. si riceve in automatico il codice identificativo della domanda;
8. recarsi presso l’Istituzione scolastica/formativa,) con la seguente documentazione:
- documento di identità/riconoscimento valido;
- (se cittadino non comunitario) titolo di soggiorno valido;
- codice identificativo della domanda;
o invia alla stessa, nei modi previsti nelle Istruzioni (fax–raccomandata–e-mail–PEC), copia della suddetta documentazione, nonché la domanda firmata;

A quel punto, l’Istituzione Scolastica/Formativa dal 02/05/2018 al 15/06/2018 (ore 12:00 – termine perentorio):
1. recupera la domanda del richiedente;
2. conferma o meno alcuni dati dichiarati dal richiedente;
3. invia la domanda alla Regione cliccando sul pulsante "Invia alla Regione".

TEMPISTICHE – Queste le tempistiche per i soggetti coinvolti:
Il richiedente: dal 02/05/2018 ed entro il termine perentorio delle ore 12,00 del 31/05/2018 deve presentare la domanda;

L’Istituzione scolastica-formativa: dal 02/05/2018 ed entro il termine perentorio delle ore 12,00 del 15/06/2018 deve confermare i dati dichiarati dal richiedente e inviare domanda alla Regione del Veneto

La Regione: entro il 15/08/2018, con Decreto del Direttore della Direzione Formazione e Istruzione, assegna il contributo alle famiglie.

L’EROGAZIONE DEL CONTTRIBUTO – Per sapere se la domanda di accesso al contributo è stata accolta, i richiedenti devono accedere alla pagina http://www.regione.veneto.it/istruzione/buonoscuolaweb, entrare nell’area “Riservato ai richiedenti”, link “Accedi a Risorse assegnate”, seguendo le istruzioni ivi contenute, che consentiranno di conoscere esclusivamente la propria posizione personale, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento di concessione sul Bollettino ufficiale della Regione del Veneto. I soggetti non ammessi, totalmente o parzialmente, possono proporre contro il provvedimento di rigetto, totale o parziale, ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale e ricorso amministrativo straordinario al Presidente della Repubblica entro i termini, rispettivamente, di 60 e di 120 giorni, decorrenti dalla data di presa conoscenza del rigetto, totale o parziale, della propria domanda.

Per approfondire:

il bando completo per la regione veneto

ALTRE REGIONI - Questo, lo ricordiamo, riguarda la Regione del Veneto. Analoghi contributi sono previsti anche da altre regioni, coin tempistiche e modalità differenti. Qui alcuni dei bandi previsti da altre regioni,m alcuni dei quali già ascaduti (consigliamo pertanto di tenere monitorate le pagine per gli anni a venire):

Lombardia

Sicilia (scaduta 30 marzo)

Piemonte (scaduta a gennaio 2018)

In disabilicom:

Bonus famiglie per bambini con gravi patologie: come richiederlo e come funziona

Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA): come fruire della detrazione 19% sugli strumenti didattici

 
Redazione

Designed by Freepik